Gianni Letta, Napolitano e Berlusconi si chiariranno lassù

Il ricordo in Aula anche di Anna Finocchiaro e Paolo Gentiloni
Il ricordo in Aula anche di Anna Finocchiaro e Paolo Gentiloni
Di ANSA
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
euronews pubblica le notizie d'ansa ma non interviene sui contenuti degli articoli messi in rete. Gli articoli sono disponibili su euronews.com per un periodo limitato.

(ANSA) - ROMA, 26 SET - Con la morte di Giorgio Napolitano "si chiude anche un capitolo tormentato e complesso di questa storia: dopo Berlusconi, Napolitano, a tre mesi uno dall'altro. Mi piace immaginare che incontrandosi lassù possano dirsi quello che non si dissero quaggiù e, placata ogni polemica, possano chiarirsi e ritrovarsi nella luce". Lo ha detto Gianni Letta, intervenendo al funerale del presidente emerito della Repubblica in Aula alla Camera e aggiungendo l'auspicio che "di fronte a un lutto che definirei repubblicano non ci siano divisioni di sorta". Nell'emiciclo poco prima anche il ricoro di Anna Finocchiaro: "Giorgio Napolitano si iscrive al Pci nel dicembre del '45 e spiegherà di averlo fatto 'per impulso morale, piuttosto che per motivazioni ideologiche', che erano ancora confuse e imprecise e sulla scorta di due ragioni: il Pci è il partito che più ha combattuto il fascismo; il Pci si mescola al popolo. Proprio così dice. Due ragioni piane e profonde". L'attuale presidente della Fondazione Italiadecide racconta ancora dei "tempestosi scambi di opinioni (io che, più che le tesissime telefonate, temevo le sue lettere, con scrittura tanto più puntuta e obliqua quanto più era arrabbiato con me)" e commossa ha aggiunto: "Posso dire in piena coscienza alla sua famiglia, ai tanti che come me l'hanno profondamente rispettato e amato, ai suoi avversari che, anche con gli errori che sono dell'umano, il presidente Napolitano ha speso la sua vita per l'Italia, e a essa appartiene la sua memoria". Infine il saluto del commissario europeo per gli Affari economici e monetari Paolo Gentiloni: "Salutiamo un grande riformista, per lui l'Europa è sempre stata la via maestra, questa via, la tua via, cercheremo di seguirla sempre". (ANSA).

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Guerra in Ucraina: Kiev affonda nave di Mosca, 44 attacchi russi a Sumy e due morti nel Donetsk

Le notizie del giorno | 05 marzo - Mattino

Usa, Corte suprema dà l'ok a Trump: strada spianata verso le elezioni di novembre