Riduzione del seno di 9 chili, l'intervento a Lodi

La paziente faticava a camminare e aveva problemi alla schiena
La paziente faticava a camminare e aveva problemi alla schiena
Di ANSA
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
euronews pubblica le notizie d'ansa ma non interviene sui contenuti degli articoli messi in rete. Gli articoli sono disponibili su euronews.com per un periodo limitato.

(ANSA) - LODI, 20 SET - Una riduzione del seno di nove chili: all'ospedale Maggiore di Lodi è stato eseguito un intervento da record di mastoplastica riduttiva su una donna quarantenne affetta da grave difficoltà deambulatoria e deformità della colonna vertebrale causata dal peso eccessivo del seno. L'intervento è stato eseguito qualche giorno fa dall'équipe di Chirurgia plastica diretta dal dottor Omar Jaber. L'asportazione ha riguardato una massa mammaria di 9 chilogrammi. La donna soffriva spesso anche di violenti attacchi di emicrania e non riusciva più a camminare con la schiena dritta. "L'intervento - spiega Jaber - è stato realizzato utilizzando una tecnica standard di riduzione mammaria (tecnica di Thorek) che ha previsto il prelievo, la conservazione e poi l'innesto libero del complesso areola-capezzolo della paziente. La particolarità di questo caso clinico è stata la rimozione di una enorme massa mammaria, 4.5 kg per lato, conservando i restanti tessuti vitali che poi servivano a ricostruire il nuovo seno in maniera armoniosa e di proporzioni adeguate alla paziente. L'intervento è durato 4 ore e il postoperatorio è stato molto favorevole". Il chirurgo è stato aiutato, in sala operatoria, dall'anestesista Cristina Quartarone, dai medici dell'équipe Gaetano D'Anna, Manuela Sanna, Giorgia De Salvia e dalle infermiere Daniela Boienti e Evelin Siori, caposala. (ANSA).

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Gaza: Israele accetta la proposta per il cessate il fuoco, "ora spetta ad Hamas"

Mar Rosso: affonda la Rubymar attaccata dagli Houthi

Roma, il cancelliere tedesco Scholz a colloquio privato con Papa Francesco