Finte vaccinazioni: non ci farà 'rinnovazione' della consulenza

Sentenza d'appello attesa per il 27 novembre
Sentenza d'appello attesa per il 27 novembre
Di ANSA
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
euronews pubblica le notizie d'ansa ma non interviene sui contenuti degli articoli messi in rete. Gli articoli sono disponibili su euronews.com per un periodo limitato.

(ANSA) - TRIESTE, 20 SET - Non verrà svolta una "rinnovazione" della consulenza per il caso di Emanuela Petrillo, l'ex assistente sanitaria di Spresiano (Treviso), accusata di avere finto di iniettare i vaccini contro le comuni malattie infettive a centinaia di bimbi, tra 2009 e 2017. Lo ha deciso la Corte d'appello di Trieste nel corso dell'udienza odierna, non accogliendo una richiesta in tal senso presentata dalla Procura. La sentenza è prevista per il 27 novembre; Emanuela Petrillo, che oggi ha 37 anni, in primo grado è stata condannata dal Tribunale di Udine a otto anni e mezzo (la richiesta della Procura era di 9 anni e sei mesi), una condanna giudicata eccessiva dalla difesa, affidata all'avv. Paolo Saladin, anche in considerazione che la donna è incensurata e madre di due figli. Le accuse a suo carico sono di peculato, omissione atti ufficio, falso, relative alle sedute vaccinali effettuate al distretto di Codroipo, e a San Daniele e Udine, dal 2009 al 2015, e all'Ulss 2 di Treviso, dove si trasferi' e lavoro' fino al giugno 2017, quando fu denunciata e licenziata per giusta causa. Scoperta, non ha mai spiegato il suo comportamento e neppure chiesto scusa. Nell'autunno 2021 Petrillo è stata condannata dalla Corte dei conti, sezione giurisdizionale Fvg, al pagamento di 550 mila euro a favore dell'Azienda sanitaria universitaria Friuli centrale (Asufc). (ANSA).

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

In Russia screditare l'esercito non si può, due anni e mezzo di carcere all'attivista Oleg Orlov

L'inquinamento da plastica degli oceani al centro del vertice del Wto

Russia: 9 anni fa a Mosca l'omicidio di Boris Nemtsov