Maxi condominio a Cervinia, il Comune dice no alla costruzione

Dopo i due pareri legali chiesti e le osservazioni della Vico
Dopo i due pareri legali chiesti e le osservazioni della Vico
Di ANSA
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
euronews pubblica le notizie d'ansa ma non interviene sui contenuti degli articoli messi in rete. Gli articoli sono disponibili su euronews.com per un periodo limitato.

(ANSA) - AOSTA, 12 SET - Il Comune di Valtournenche ha comunicato all'impresa Vico srl il diniego di titoli edilizi per The Stone, il condominio di nove piani che era previsto nel centro di Cervinia al posto dell'Hotel Fosson. Nei mesi scorsi il Comune aveva richiesti due pareri legali - uno allo studio BonelliErede di Milano, l'altro all'avvocato Piergiorgio Carnelli di Aosta - che avevano sollevato alcune problematiche. Di qui il preavviso di diniego all'impresa di Ezio Colliard, che aveva presentato le proprie osservazioni. Repliche che gli uffici comunali non hanno ritenuto sufficienti, negando il documento necessario per poter procedere con l'esecuzione dei lavori. Il progetto prevedeva di beneficiare della legge casa, aumentando i volumi rispetto a quelli dell'Hotel Fosson. Del caso si è occupato il Consiglio regionale della Valle d'Aosta ed è stata anche depositata una interrogazione alla Camera, a firma del deputato di Fratelli d'Italia Matteo Rosso. Una petizione online lanciata lo scorso febbraio - 'Fermiamo l'ecomostro di Cervinia' - ha raccolto nel frattempo quasi 35 mila adesioni. Riguardo a The Stone sono inoltre indagati per corruzione dalla procura di Aosta lo stesso Colliard e l'architetto Valerio Cappelletti, in qualità di membro esperto della commissione edilizia comunale. (ANSA).

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Chiusi nuovi valichi tra Lituania e Bielorussia

Finlandia, Alexander Stubb è il 13° presidente: "Nuova era per il Paese"

Addio a Iris Apfel: icona della moda che ha lasciato il segno anche alla Casa Bianca