EventsEventiPodcasts
Loader
Seguiteci
PUBBLICITÀ

Mattarella, le morti sul lavoro feriscono il nostro animo

Vittime ci dicono che non si è fatto abbastanza
Vittime ci dicono che non si è fatto abbastanza
Diritti d'autore 
Di ANSA
Pubblicato il Ultimo aggiornamento
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
euronews pubblica le notizie d'ansa ma non interviene sui contenuti degli articoli messi in rete. Gli articoli sono disponibili su euronews.com per un periodo limitato.

(ANSA) - ROMA, 12 SET - "Le morti sul lavoro feriscono il nostro animo. Feriscono le persone nel valore massimo dell'esistenza, il diritto alla vita. Feriscono le loro famiglie. Feriscono la società nella sua interezza. Lavorare non è morire". Lo afferma il presidente della Repubblica, Sergio Mattarella, in un messaggio inviato alla ministra del Lavoro Elvira Calderone. "Il nostro Paese - ricorda il capo dello Stato - colloca il diritto al lavoro e il diritto alla salute tra i principi fondanti della Repubblica. Non è tollerabile perdere una lavoratrice o un lavoratore a causa della disapplicazione delle norme che ne dovrebbero garantire la sicurezza sul lavoro. I morti di queste settimane ci dicono che quello che stiamo facendo non è abbastanza. La cultura della sicurezza deve permeare le Istituzioni, le parti sociali, i luoghi di lavoro. A voi, ispettori tecnici, spetta un ruolo attivo in questo processo di garanzia e di prevenzione". (ANSA).

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Le notizie del giorno | 22 luglio - Pomeridiane

Corea del Sud, i lavoratori della Samsung Electronics in sciopero

Irlanda, Rhiannan Iffland e Aidan Heslop vincono la Red Bull Cliff Diving 2024