EventsEventiPodcasts
Loader
Seguiteci
PUBBLICITÀ

Troppi migranti in tende paese sardo, 'benvenuti in Africa'

Sindaco fa rimuovere striscione, 'sempre accolti pacificamente'
Sindaco fa rimuovere striscione, 'sempre accolti pacificamente'
Diritti d'autore 
Di ANSA
Pubblicato il Ultimo aggiornamento
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
euronews pubblica le notizie d'ansa ma non interviene sui contenuti degli articoli messi in rete. Gli articoli sono disponibili su euronews.com per un periodo limitato.

(ANSA) - CAGLIARI, 09 SET - Uno striscione, subito rimosso, con la scritta "Benvenuti in Africa" è comparso la notte scorsa all'ingresso di Villanovaforru, paese del sud Sardegna di circa 600 persone che attualmente ospita un centinaio di migranti. E' stato il sindaco Maurizio Onnis, con un post su Facebook, a rendere noto l'accaduto. "Non so chi sia l'autore, ma interpretarlo non è difficile -. scrive il primo cittadino di Villanovaforru. Il paese ospita quasi un centinaio di migranti, li ospita da otto anni e si è sempre distinto per l'accoglienza pacifica e dignitosa di uomini, donne e bambini venuti da lontano in cerca di una vita migliore. Il paese non vuole che ne arrivino altre decine, come annunciato dalla Prefettura e, soprattutto, non vuole che vengano alloggiati in tende. Al prefetto l'abbiamo detto molto chiaramente: le tende riducono Villanovaforru a campo profughi. Non è il destino della Marmilla, non è il destino della Sardegna. Non è una prova di rispetto da parte dello Stato. Ho fatto rimuovere lo striscione - conclude Onnis - perché non mi piacciono i colpi di testa, perché dobbiamo agire uniti e perché aborro qualsiasi cosa assomigli anche solo lontanamente al razzismo. Ma è ovvio: se devo scegliere a chi essere fedele, Stato o comunità, scelgo la mia comunità". (ANSA).

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Le notizie del giorno | 17 luglio - Serale

Parigi 2024, la sindaca Hidalgo nuota nella Senna alla vigilia delle Olimpiadi

Berlino: una mostra per ricordare le donne della resistenza contro il nazismo