EventsEventiPodcasts
Loader
Seguiteci
PUBBLICITÀ

Restano in cella i rapinatori di Sainz. Il gip: 'collaborate'

Sussistono le esigenze cautelari, accolta la richiesta del pm
Sussistono le esigenze cautelari, accolta la richiesta del pm
Diritti d'autore 
Di ANSA
Pubblicato il Ultimo aggiornamento
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
euronews pubblica le notizie d'ansa ma non interviene sui contenuti degli articoli messi in rete. Gli articoli sono disponibili su euronews.com per un periodo limitato.

(ANSA) - MILANO, 05 SET - Restano in carcere e sono stati invitati a collaborare indicando chi eventualmente li ha reclutati i due giovani marocchini arrestati domenica nel tardo pomeriggio a Milano per aver rapinato dell'orologio di lusso il pilota di Formula 1 Carlos Sainz. La gip Sofia Fioretta ha infatti accolto la richiesta di convalida dell'arresto in flagranza di reato e di custodia cautelare in carcere avanzata dal pm Silvia Bonardi ritenendo sussistano le esigenze cautelari. La giudice , nel provvedimento depositato stamane, ha anche parlato di un affievolimento della pena in caso di condanna qualora i due, che hanno ammesso gli addebiti, decidessero di collaborare alle indagini facendo nome e cognome di chi, questo è il sospetto, sarebbe stato il 'regista' del colpo che, se andato in porto, avrebbe fruttato un Richard Mille del valore di 315 mila euro. Per il terzo arrestato, un 16enne ora scarcerato, il fascicolo è stato tramesso alla Procura per i minorenni. I tre, bloccati in via Manzoni dopo essere stati inseguiti dal campione di F1, dal suo manager e da un componente del suo staff, pare avessero un ulteriore complice. (ANSA).

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Yemen: attacco di Israele contro Hodeida, morti e feriti nella città controllata dagli Houthi

Guerra a Gaza: decine di morti nel campo di Nuseirat, la Nuova Zelanda contro Israele

Pakistan: tre morti e venti feriti in un attacco durante una marcia per la pace