EventsEventiPodcasts
Loader

Find Us

PUBBLICITÀ

Rifugiato si laurea in Pianificazione allo Iuav di Venezia

Proviene da un campo dell'Etiopia. 'E' stato fantastico'
Proviene da un campo dell'Etiopia. 'E' stato fantastico'
Diritti d'autore 
Di ANSA
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
euronews pubblica le notizie d'ansa ma non interviene sui contenuti degli articoli messi in rete. Gli articoli sono disponibili su euronews.com per un periodo limitato.

(ANSA) - VENEZIA, 31 AGO - Dal campo rifugiati in Etiopia alle aule dell'Università Iuav di Venezia dove si laurea in pianificazione: Solomon Seyoum Elala, studente eritreo, è arrivato in laguna nel settembre 2020, grazie al corridoio universitario Unicore (University Corridors for Refugees), il programma di integrazione per giovani rifugiati che intendono proseguire i loro studi in Italia. E' stato scelto da Giovanna Marconi, referente per le attività di inclusione e coordinatrice della Cattedra Unesco sull'Inclusione Sociale e Spaziale dei Migranti Internazionali, dopo un'attenta valutazione del curriculum e un colloquio via Skype. La docente lo racconta così: "indossava un vestito elegante da grande occasione; era teso ma brillante, evidentemente determinato a giocarsi al meglio quell'unica opportunità di lasciare il campo rifugiati dove viveva da quando la sua famiglia aveva dovuto lasciare l'Eritrea, e riprendere i suoi studi in un paese che aveva molto più da offrire: il nostro. Ho scommesso su di lui, assumendomi la responsabilità di lasciare altri indietro, ed è stato un successo". Solomon Elala si iscrive al corso di laurea magistrale in Pianificazione e politiche per la città, il territorio e l'ambiente. Da subito si impegna e dimostra interesse per i temi del corso di studi, soprattutto quelli ambientali. Nel corso degli studi ha messo a fuoco il suo progetto di tesi: "voleva occuparsi della sua Addis Abeba - racconta Marconi - per contribuire con il suo nuovo bagaglio di conoscenze a immaginare uno sviluppo più sostenibile degli insediamenti informali, ma temeva non fosse opportuno, in parte per la carenza di dati disponibili ma soprattutto perché si trattava di una realtà secondo lui troppo lontana da quelle sulle quali lavoravano i suoi compagni di corso Nel luglio scorso si è laurea con 108/110. Così descrive la sua esperienza all'Università Iuav di Venezia: "I professori sono davvero inclusivi e il loro entusiasmo nell'aiutare gli studenti è stato ammirevole. Complessivamente, è stato fantastico". (ANSA).

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Le notizie del giorno | 13 giugno - Serale

Il giornalista Usa Evan Gershkovich sarà processato in Russia con l'accusa di spionaggio

Presunto attacco degli Houthi contro una nave diretta a Venezia: fuoco a bordo