EventsEventiPodcasts
Loader
Seguiteci
PUBBLICITÀ

Nuova aggressione a quattro agenti nel carcere di Oristano

Uil, 'da parte di detenuti della sezione alta Sicurezza'
Uil, 'da parte di detenuti della sezione alta Sicurezza'
Diritti d'autore 
Di ANSA
Pubblicato il Ultimo aggiornamento
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
euronews pubblica le notizie d'ansa ma non interviene sui contenuti degli articoli messi in rete. Gli articoli sono disponibili su euronews.com per un periodo limitato.

(ANSA) - ORISTANO, 30 AGO - "Sono stati momenti estremamente concitati quelli vissuti nel primo pomeriggio di ieri quando, i detenuti della sezione Alta sicurezza, al rientro dai cortili passeggi, hanno dapprima rifiutato di rientrare nelle celle e, nonostante il tentativo di mediazione del personale di Polizia Penitenziaria, sono passati alle vie di fatto aggredendo brutalmente 4 poliziotti. Solo dopo diversi minuti hanno deciso di rientrare nelle camere ma nel frattempo gli agenti aggrediti hanno subito tumefazioni, sono stati quindi trasportati all'ospedale esterno cittadino ed attualmente sono in attesa di responso medico". A renderlo noto il segretario generale della Uil Pa Polizia Penitenziaria Michele Cireddu che aggiunge: "Si tratta dell'ennesima aggressione subita dai nostri Poliziotti ma questo episodio preoccupa maggiormente perchè i detenuti autori erano tanti e sono passati alle vie di fatto a seguito del rifiuto di rientrare nelle camere detentive". "Si tratta di detenuti appartenenti al circuito Alta sicurezza e questo dato non può essere sottovalutato! In tempi non sospetti avevano elencato una serie di anomalie all'interno dell'Istituto oristanese, in una nota indirizzata alla Direzione, al Provveditore ed al Capo del Dipartimento e, nonostante una recente ispezione dipartimentale, l'Istituto presenta diverse criticità che non sono ancora state risolte - denuncia Cireddu - Il clima all'interno è diventato più teso anche a causa del l'aumento di rapporti disciplinari nei confronti del personale che, in alcuni casi, a nostro avviso, non sembravano l'estrema ratio rispetto alle dinamiche contestate. In questo modo il personale non lavora con la giusta serenità, i gravi episodi avvenuti nel primo pomeriggio, non fanno altro che aumentare il disagio e fanno suonare un campanello d'allarme estremamente preoccupante". Per la Uil "la situazione è fuori controllo un po' ovunque, la Sardegna penitenziaria è l'emblema del fallimento dell'Amministrazione ed i dati lo dimostrano". (ANSA).

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Austria, i migranti dovranno lavorare per 10 ore a settimana per mantenere diritti e sussidi

L'Albania brucia con l'estate e i pompieri non hanno mezzi: l'Ue interviene contro gli incendi

Regno Unito, Starmer vuole ricostruire le relazioni con l'Unione europea