EventsEventi
Loader

Find Us

FlipboardLinkedin
Apple storeGoogle Play store
PUBBLICITÀ

Caporalato, commissariata altra azienda di vigilanza privata

"Paghe sotto soglia povertà da Cosmopol". Dopo caso Mondialpol
"Paghe sotto soglia povertà da Cosmopol". Dopo caso Mondialpol
Diritti d'autore 
Di ANSA
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
euronews pubblica le notizie d'ansa ma non interviene sui contenuti degli articoli messi in rete. Gli articoli sono disponibili su euronews.com per un periodo limitato.

(ANSA) - MILANO, 30 AGO - Un'altra società di servizi di vigilanza privata finisce sotto controllo giudiziario per stipendi ai propri dipendenti sotto la soglia di povertà. Dopo il caso di Mondialpol, infatti, il pm di Milano Paolo Storari ha emesso un altro decreto d'urgenza per caporalato che porta al commissariamento di Cosmopol spa in un'altra tranche dell'inchiesta condotta dal Nucleo di polizia economico finanziaria della Gdf milanese. Il provvedimento nei confronti di Mondialpol era stato, poi, "revocato", come si legge in un comunicato del procuratore Marcello Viola, "a seguito dell'avvio di un percorso di riallineamento retributivo da parte della medesima società". Le indagini avevano accertato che la paga oraria dei lavoratori era in media di poco più di 5 euro lordi. "Sono stata costretta a raddoppiare i turni, facendo turni da 12 ore continuative, dai 10 ai 15 giorni di fila, senza mai fruire di un riposo. Quando mi sono lamentata di questa situazione, Caliendo (uno dei responsabili, ndr) mi ha risposto dicendo 'non parliamo neanche di riposo'". E' solo una delle decine di testimonianze di lavoratori della Cosmopol spa contenute nel decreto firmato dal pm Paolo Storari. Nelle 17 pagine del decreto che dovrà essere convalidato dal gip, oltre alle dichiarazioni a verbale di dipendenti che testimoniano le paghe sotto la soglia di povertà (paga oraria di poco più di 5 euro lordi), sono contenute anche le "minacce" e le "intimidazioni" subite dai lavoratori se si opponevano. Minacce che prevedevano, secondo le indagini, licenziamenti o cambi di postazione lavorativa. (ANSA).

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

L'Europa che voglio: tecnologia e transizione digitale, cosa farei da europarlamentare

Turbolenza su un volo dal Qatar diretto in Irlanda: almeno 12 feriti

Guerra in Ucraina, salgono a 16 le vittime dell'attacco russo su un negozio a Kharkiv