EventsEventi
Loader

Find Us

FlipboardLinkedin
Apple storeGoogle Play store
PUBBLICITÀ

Ucciso e bruciato a Sassari, indagato al gip 'non sono stato io'

Autopsia esclude qualsiasi dubbio sulla fine di Erik Masala
Autopsia esclude qualsiasi dubbio sulla fine di Erik Masala
Diritti d'autore 
Di ANSA
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
euronews pubblica le notizie d'ansa ma non interviene sui contenuti degli articoli messi in rete. Gli articoli sono disponibili su euronews.com per un periodo limitato.

(ANSA) - SASSARI, 29 AGO - Un colloquio breve nel quale avrebbe negato tutte le accuse proclamandosi innocente: "non sono stato io". Così Antonio Luigi Fiori, il 48enne senza fissa dimora indiziato per l'omicidio e l'occultamento di cadavere di Nicola Pasquarelli, questa mattina davanti al gip del tribunale di Sassari, Gian Paolo Piana, nell'interrogatorio di garanzia nel carcere di Bancali. Accompagnato dai suoi avvocati Elisabetta Udassi e Roberto Risi, l'uomo avrebbe ribadito quanto raccontato alla pm Lara Senatore e agli agenti della squadra mobile la notte di sabato scorso in questura, dove era stato portato dopo il fermo e prima del trasferimento nell'istituto penitenziario di Bancali. E cioè la sua assoluta estraneità al delitto, pur confermando che conosceva bene la vittima. Durante quell'interrogatorio Fiori si sarebbe spesso contraddetto e questo aveva portato al fermo con l'accusa di omicidio e occultamento di cadavere. Nelle prossime ore il gip deciderà se confermare il provvedimento mutando di conseguenza la posizione giudiziaria dell'indagato. Secondo quanto ricostruito finora, Pasquerelli, 78 anni di Ittiri, al culmine di una lite sarebbe stato colpito e ucciso, almeno due settimane fa, con un bastone alla nuca e al collo. Poi ricoperto di benzina e dato alle fiamme in una conca del terreno di fronte all'Orto Botanico a Piandanna, lasciandolo bruciare per diversi giorni. In seguito Fiori avrebbe rubato a casa del pensionato dei soldi e anche una carta paypal. A motivare il gesto omicida sarebbero stati presunti motivi di gelosia, forse dovuti alla presenza di una terza persona, una ventenne, nel rapporto tra i due. Ed è ancora da capire se si tratti della stessa persona che ha dato l'allarme, lo scorso sabato mattina, alla polizia di Stato riferendo sul destino di Pasquarelli. (ANSA).

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Turbolenza su un volo dal Qatar diretto in Irlanda: almeno 12 feriti

Guerra in Ucraina, salgono a 16 le vittime dell'attacco russo su un negozio a Kharkiv

Guerra a Gaza: razzi di Hamas contro Israele, sirene a Tel Aviv