EventsEventiPodcasts
Loader
Find Us
PUBBLICITÀ

Uccidono a calci una capretta dopo la festa dei 18 anni

Choc in un agriturismo in Ciociaria. Video al vaglio dei cc
Choc in un agriturismo in Ciociaria. Video al vaglio dei cc
Diritti d'autore 
Di ANSA
Pubblicato il Ultimo aggiornamento
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
euronews pubblica le notizie d'ansa ma non interviene sui contenuti degli articoli messi in rete. Gli articoli sono disponibili su euronews.com per un periodo limitato.

(ANSA) - ANAGNI, 29 AGO - I carabinieri della compagnia di Anagni stanno esaminando le immagini diffuse in mattinata dall'edizione di Frosinone del quotidiano Il Messaggero, nelle quali si vede un gruppo di diciottenni al termine di un compleanno uccidere a calci sulla testa una delle caprette che si trovava nell'agriturismo dove si erano tenuti i festeggiamenti. Nel primo video, diffuso sui social, si vedono i ragazzi trasportare su una carriola una capretta che poi viene lanciata da una finestra; nel secondo video invece si vede uno dei ragazzi prendere la rincorsa per colpire a calci sulla testa l'animale tramortendolo, ripetendo la scena fino ad ucciderlo. La capretta si era lasciata avvicinare senza fare resistenza perché abituata alla presenza umana ed alle visite delle famiglie. L'episodio è accaduto domenica sera in un agriturismo tra Anagni e Fiuggi. Il proprietario della struttura ha denunciato l'episodio ai carabinieri che ora procedono per il reato di 'omessa custodia o malgoverno di animale'. In provincia di Frosinone nei mesi scorsi era stato registrato un altro episodio simile: a Piedimonte San Germano dove un ragazzino veniva filmato mentre prendeva a calci con violenza un gatto. (ANSA).

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Ucraina: mandati di arresto della Cpi per i generali russi Shoigu e Gerasimov per crimini di guerra

Maltempo in Svizzera, ancora due persone disperse. Danni ingenti nel Canton Vallese

Israele: gli studenti ortodossi dovranno arruolarsi, corte suprema rimuove le esenzioni