EventsEventiPodcasts
Loader
Find Us
PUBBLICITÀ

Dopo le polemiche De Angelis si dimette dalla Regione Lazio

Bufera per frasi su strage Bologna e per una canzona antisemita
Bufera per frasi su strage Bologna e per una canzona antisemita
Diritti d'autore 
Di ANSA
Pubblicato il Ultimo aggiornamento
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
euronews pubblica le notizie d'ansa ma non interviene sui contenuti degli articoli messi in rete. Gli articoli sono disponibili su euronews.com per un periodo limitato.

(ANSA) - ROMA, 29 AGO - Il responsabile della Comunicazione Istituzionale della Regione Lazio, Marcello De Angelis, ha rassegnato le dimissioni dal proprio incarico. De Angelis ha comunicato la propria irrevocabile decisione al presidente della Regione Lazio Francesco Rocca con una lettera, dopo averla anticipata nel corso di un colloquio privato. Il presidente Rocca ha accettato le dimissioni di Marcello De Angelis con effetto immediato. Ai primi di agosto De Angelis era finito al centro delle polemiche per un post sulla strage di Bologna in cui dichiarava innocenti Mambro, Fioravanti e Ciavardini. Il dirigente, con un passato nell'estrema destra, era poi tornato alla ribalta anche per via del testo di contenuto antisemita di una sua canzone, scritta anni fa in qualità di frontman di un gruppo di rock identitario. Polemiche anche per un post su Instagram dello scorso dicembre, nel quale si vedeva un candelabro in terracotta riconducibile al criminale nazista Himmler e alle SS. Venerdì era previsto un consiglio regionale straordinario su di lui. Rocca gli ha espresso "gratitudine per aver messo al riparo" la Regione dalle "inaccettabili strumentalizzazioni di queste settimane, pagando il prezzo per una canzone scritta 45 anni fa e rispetto alla quale ha manifestato pubblicamente tutto il suo imbarazzo e orrore". "Rivendico il diritto al dubbio e al dissenso anche se non posso negare di essermi espresso in modo inappropriato e per questo ho chiesto scusa", ha detto De Angelis, nella lettera di dimissioni. "La mostruosa macchina del fango - dice ancora - può stritolare chiunque e mi ha preso di mira mettendomi alla gogna rovistando nella mia vita". (ANSA).

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Francia: tumori identificati con l'AI, svolta nella ricerca

Francia, Macron propone un'ora nelle scuole per parlare di antisemitismo

Le notizie del giorno | 20 giugno - Mattino