EventsEventi
Loader

Find Us

FlipboardLinkedin
Apple storeGoogle Play store
PUBBLICITÀ

Perdonanza: Bergamotto, emozione difficile da descrivere

Sottosegretario, felice di rappresentare il Governo all'Aquila
Sottosegretario, felice di rappresentare il Governo all'Aquila
Diritti d'autore 
Di ANSA
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
euronews pubblica le notizie d'ansa ma non interviene sui contenuti degli articoli messi in rete. Gli articoli sono disponibili su euronews.com per un periodo limitato.

(ANSA) - L'AQUILA, 28 AGO - "Sono felicissima di essere qui oggi. Per me è anche motivo di orgoglio, rappresentare come aquilana il governo della mia città durante la Perdonanza". Queste le parole del sottosegretario del ministero delle Imprese e Made in Italy, Fausta Bergamotto, scelta come rappresentante del Governo in occasione della 729/a edizione della Perdonanza Celestiniana. "È veramente una cosa che non so neanche descrivere - ha aggiunto al suo arrivo a piazza Palazzo -. Però devo dire che sono pure orgogliosa di essere qui perché il messaggio di Celestino resta attuale anche se ha oltre 700 anni, specie in questo momento storico in cui le controversie sono tante e valori come la pace, il perdono, la riconciliazione sono elementi fondamentali". Il sottosegretario ha sfilato in coda al corteo della Bolla, partendo da palazzo Margherita, sede comunale fino al 2009. "Questa edizione è importante - ha aggiunto - anche perché lo scorso anno Papa Francesco ha riconosciuto il vero senso della Perdonanza lasciandoci in eredità l'anno giubilare. Quindi L'Aquila è riconosciuta come città del perdono". Prima della partenza ha passato in rassegna il picchetto d'onore, sempre a piazza Palazzo. (ANSA).

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Il tribunale di Londra ha deciso: Assange può appellarsi contro l'estradizione negli Stati Uniti

Corte penale internazionale: L'Aja chiede mandati di arresto per Netanyahu e leader Hamas

Iran, cosa succederà con la morte del presidente Ebrahim Raisi