EventsEventi
Loader

Find Us

FlipboardLinkedin
Apple storeGoogle Play store
PUBBLICITÀ

Piantedosi, Caivano? Contro piazze droga successi quotidiani

Le violenze sono tema di sicurezza, ma anche questione culturale
Le violenze sono tema di sicurezza, ma anche questione culturale
Diritti d'autore 
Di ANSA
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
euronews pubblica le notizie d'ansa ma non interviene sui contenuti degli articoli messi in rete. Gli articoli sono disponibili su euronews.com per un periodo limitato.

(ANSA) - PIETRASTORNINA (AVELLINO), 27 AGO - Contro le piazze di spaccio come quella di Caivano l'attività delle forze dell'ordine "fa segnare quotidianamente successi e risultati molto importanti". Così il ministro dell'Interno Matteo Piantedosi ha risposto ai cronisti sulle critiche alle istituzioni dopo gli stupri avvenuti nel parco Verde, in un contesto di degrado e criminalità. "Non è colpa delle istituzioni e men che meno del governo. E' vero che ci sono piazze di spaccio importantissime a Caivano, ma non solo - ho fatto il prefetto di Roma e so quale sia il problema anche nella capitale - ma l'attività delle forze dell'ordine fa segnare quotidianamente successi". "Purtroppo la domanda di droga è molto forte e quindi l'offerta è molto organizzata", ha sottolineato ancora il ministro, oggi a Pietrastornina (Avellino) per una raccolta straordinaria di sangue organizzata tra gli altri da DonatoriNati Polizia di Stato e patrocinata dal Comune. Per il ministro le violenze sessuali di gruppo avvenute a Caivano e a Palermo "sono fatti che riguardano sicuramente i temi della sicurezza e della prevenzione ma anche temi di carattere culturale". Temi - ha aggiunto - "che coinvolgono, e devono coinvolgere sempre più, l'educazione dei ragazzi e il mondo della scuola". (ANSA).

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Spagna: crolla la terrazza di un ristorante a Maiorca, morti e feriti

Elezioni europee: von der Leyen apre a un accordo con Meloni

Carlo Acutis diventerà santo: è il primo millennial, considerato patrono di Internet