EventsEventiPodcasts
Loader

Find Us

PUBBLICITÀ

Rocce imbrattate a Villasimius, 'affronto alle nostre bellezze'

Il sindaco Dessì: 'pronti a ripulire con prodotti naturali'
Il sindaco Dessì: 'pronti a ripulire con prodotti naturali'
Diritti d'autore 
Di ANSA
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
euronews pubblica le notizie d'ansa ma non interviene sui contenuti degli articoli messi in rete. Gli articoli sono disponibili su euronews.com per un periodo limitato.

(ANSA) - VILLASIMIUS, 25 AGO - Una scritta nera, forse una firma con la bomboletta spray, su una roccia di granito davanti al mare azzurro di Villasimius, lungo la costa sud orientale della Sardegna. È quella che si vede di più. Ma ce ne sono altre, più in basso. Stessa bomboletta spray, stesso colore, altre sigle. Area protetta, ma qualcuno non l'ha capito. E ha lasciato il segno sulla scogliera nella parte sinistra della spiaggia di Simius. L'azione di vandalismo risale al 27 maggio scorso, denunciata su Facebook dalle Guardie ambientali della Sardegna. Ma da allora nulla è stato fatto, nonostante in piena campagna elettorale i due candidati sindaci si erano sfidati proprio su questo: chi avrebbe vinto si sarebbe impegnato a ripulire le rocce imbrattate. Promesse non mantenute. Adesso però qualcosa si muove. Il sindaco Gianluca Dessì denuncia un affronto alla bellezza delle sue coste. Che va subito rimosso. "Stiamo predisponendo un intervento per una immediata pulizia", conferma all'ANSA. Sarà la seconda risposta ai vandali dopo l'ultimo caso di Baunei, sulle coste dell'Ogliastra. "È allucinante - attacca il primo cittadino - che si provi soddisfazione nel fare cose di questo tipo. Pronti alle verifiche e a un immediato intervento". All'epoca nella loro pagina Facebook, le Guardie ambientali avevano scritto: "Ci addolora sempre vedere profanati e vandalizzati in questo modo i nostri paesaggi. Le rocce in un'area ad alto valore naturalistico sono e devono essere considerate dei monumenti naturali, è importante sensibilizzare tutti perché si rispetti la natura e perché gesti come questi non accadano più e soprattutto, qualora i responsabili venissero individuati, bisognerebbe inasprire le sanzioni per il reato di danneggiamento di beni avente valore paesaggistico". Da qui l'appello: "Chiediamo a tutte le persone che hanno a cuore la nostra amata terra di non voltarsi dall'altra parte se sono testimoni di azioni scellerate a danno dell'ambiente". Villasimius ha deciso di intervenire. E di ripetere l'esperienza di Santa Maria Navarrese: pulizia delle rocce con prodotti naturali, senza solventi nè prodotti chimici. (ANSA).

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Berlusconi e l'Europa: un anno dalla scomparsa di un leader che ha spiazzato l'Ue

La Borsa di Mosca abbandona il dollaro e l'euro: la Russia risponde alle sanzioni Usa

In Qatar fioriscono le iniziative a chilometro zero