EventsEventi
Loader

Find Us

FlipboardLinkedin
Apple storeGoogle Play store
PUBBLICITÀ

Motti fascisti all'Asinara, 'sono i ragazzi della scuola sub'

Il deputato Pd Lai dopo reportage L'Unità, 'intollerabile'
Il deputato Pd Lai dopo reportage L'Unità, 'intollerabile'
Diritti d'autore 
Di ANSA
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
euronews pubblica le notizie d'ansa ma non interviene sui contenuti degli articoli messi in rete. Gli articoli sono disponibili su euronews.com per un periodo limitato.

(ANSA) - CAGLIARI, 24 AGO - "Vincere e vinceremo", uno dei motti fascisti per eccellenza riecheggia nell'insenatura di Cala d'Oliva, all'Asinara, l'isola che fu carcere di massima sicurezza e negli anni del maxi processo accolse i giudici Falcone e Borsellino. Lo gridano i ragazzi della scuola per immersioni subacquee di Luca Occulto, associazione Sette mari. A raccontarlo in un lungo reportage è L'Unità, che denuncia rigurgiti fascisti durante i camp ai ragazzi tra gli 8 e i 16 anni. Un servizio che è rimabalzato negli ambienti politici, commentato oggi dal deputato sardo del Pd, Silvio Lai. "Dopo i funerali con i saluti romani, i libri di generali che inneggiano al razzismo, ora ci mancava l'educazione mussoliniana per i ragazzi - dice all'ANSA il parlamentare dem - è preoccupante e bisogna denunciarlo. È intollerabile che ci siano ancora persone ed organizzazioni che in chiave nostalgica tentano di trasmettere ai nostri giovani quei terribili fasti - attacca Lai -. Ci domandiamo se ne è al corrente il commissario del Parco, insediatosi dopo mesi di vacatio amministrativa accumulata per l'incapacità di governo nazionale e regionale di trovare soluzioni condivise". Il deputato chiama in causa la Giunta regionale di centrodestra guidata da Christian Solinas:"Ha intenzione di intervenire o pensa di allinearsi a quelle metodologie educative come sta facendo la destra nazionale difendendo le frasi ingiuriose del generale Vannacci?". L'Asinara si divide. "Come si fa a non sentirli - racconta Alessandro Masala, gestore dell'unico diving dell'isola, intervistato dall'Unità -, s'addestrano per tutta l'isola imitando i marines. Occulto non vive qui, no. I ragazzi vengono dal continente. Li porta qui a fare questa cosa che lui chiama camp". "No, mai sentito niente che abbia a che fare con reminiscenze, ci mancherebbe - spiega invece al quotidiano il maresciallo dei carabinieri Ivan Mariuzzo -. Grida maschiliste sì, del genere Apocalipse now, ma niente di più". (ANSA).

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Georgia: la presidente Zourabichvili pone il veto alla 'legge russa'

Nuova Caledonia: sesta vittima durante le proteste, perché Parigi accusa l'Azerbaijan

Maltempo in Europa: inondazioni in Germania, Scholz annulla comizio elettorale