'Almeno 2 piatti da consumare in 2 ore',l'osteria fa retromarcia

Cambio di regolamento dopo la bufera social ad Ostuni
Cambio di regolamento dopo la bufera social ad Ostuni
Diritti d'autore 
Di ANSA
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
euronews pubblica le notizie d'ansa ma non interviene sui contenuti degli articoli messi in rete. Gli articoli sono disponibili su euronews.com per un periodo limitato.

(ANSA) - OSTUNI, 20 AGO - Dopo la bufera che l'ha investita sui social, l'Osteria del tempo perso, ristorante di Ostuni (Brindisi), ha rimosso dal proprio sito web il regolamento che imponeva ai propri clienti regole in stile militare. Tre quelle più bersagliate dagli internauti: 'Hai a disposizione due ore per goderti il tuo pasto, incluso il tempo impiegato dal ritardo" (fissato in massimo 15 minuti, pena la cancellazione della prenotazione); "per motivi logistici, possono accedere solo bambini al di sopra dei 6 anni"; "è obbligatoria la consumazione di almeno due portate principali per persona (dessert e contorni non sono portate principali)". Quasi tutto cancellato, ora, fatta eccezione per i cani che continuano a non essere ammessi e per la prenotazione del tavolo che viene cancellata dopo 20 minuti. Per quanto riguarda i bambini: "ci sono prenotazioni - spiegano dal locale - di cui non conosciamo i componenti e ci ritroviamo con le sale con più passeggini. Iniziano i pianti o quello che volete (tipo un cambio pannolino sul tavolo). Abbiamo voluto difenderci con queste regole per non dover ledere con le parole la maleducazione". Almeno due portate: "mi dispiace ma non possiamo lavorare con tavoli di 4 persone che prendono due pietanze da dividere, più una bottiglia d'acqua e tenere occupato il posto per tutta la serata". Il tempo per poter consumare il pasto è stabilito per 2 ore: "vi assicuro - concludono - che è stato solo scritto (e forse abbiamo sbagliato), ordinazioni e consumazione tra una portata e l'altra a volte hanno sfiorato le 4 ore e quando queste ore combaciano con la chiusura della cucina e l'orario di lavoro del cameriere, vi assicuro che non è facile. I nostri collaboratori hanno degli orari, non sono schiavi". (ANSA).

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Il ministro dell'Interno britannico in Italia: "Soluzioni innovative per fermare i migranti"

Senato Usa approva pacchetto da 95 miliardi per Ucraina e Israele, Biden: armi a Kiev in settimana

Gaza, Borrell: "Distruzione nella Striscia peggiore che in Germania nella Seconda guerra mondiale"