Su una spiaggia jugoslava 77 anni fa la strage degli italiani

A Vergarolla morirono oltre 80 persone. Oggi le commemorazioni
A Vergarolla morirono oltre 80 persone. Oggi le commemorazioni
Di ANSA
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
euronews pubblica le notizie d'ansa ma non interviene sui contenuti degli articoli messi in rete. Gli articoli sono disponibili su euronews.com per un periodo limitato.

(ANSA) – TRIESTE, 18 AGO – La domenica di sole del 18 agosto
1946, cioè 77 anni fa, sulla spiaggia di Vergarolla c’erano
almeno 2 mila persone per assistere a gare di nuoto e per fare
il bagno quando esplosero una trentina di bombe da tempo
lasciate lì, forse innescate apposta per compiere una strage.
Morirono oltre 80 italiani, di Pola prevalentemente, e l’azione
è stata interpretata da sempre come un atto di intimidazione del
regime jugoslavo contro gli italiani per costringerli a lasciare
la loro città. Oggi una messa nel duomo officiata in lingua italiana dal
parroco don Rikardo Lekaj, cui seguiranno vari discorsi e la
deposizione di corone di fiori sul Cippo memoriale,
commemoreranno la strage. Saranno presenti i rappresentati di
varie associazioni di italiani di Pola e dell’Istria. Dei circa cento morti solo i corpi di 64 persone furono
ricomposti e identificati, gli altri vennero sepolti senza nome.
Nella tragedia emerse la figura di Geppino Micheletti, il medico
che continuò a curare i feriti anche dopo aver saputo che nello
scoppio erano morti i figlioletti Renzo e Carlo e il fratello e
la cognata. (ANSA).

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Sparatoria in un centro commerciale di Bangkok

Nagorno-Karabakh, allarme dell'Unicef: 30mila bambini in fuga

Haiti, una missione internazionale per combattere le bande criminali