EventsEventi
Loader

Find Us

FlipboardLinkedin
Apple storeGoogle Play store
PUBBLICITÀ

Su una spiaggia jugoslava 77 anni fa la strage degli italiani

A Vergarolla morirono oltre 80 persone. Oggi le commemorazioni
A Vergarolla morirono oltre 80 persone. Oggi le commemorazioni
Diritti d'autore 
Di ANSA
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
euronews pubblica le notizie d'ansa ma non interviene sui contenuti degli articoli messi in rete. Gli articoli sono disponibili su euronews.com per un periodo limitato.

(ANSA) - TRIESTE, 18 AGO - La domenica di sole del 18 agosto 1946, cioè 77 anni fa, sulla spiaggia di Vergarolla c'erano almeno 2 mila persone per assistere a gare di nuoto e per fare il bagno quando esplosero una trentina di bombe da tempo lasciate lì, forse innescate apposta per compiere una strage. Morirono oltre 80 italiani, di Pola prevalentemente, e l'azione è stata interpretata da sempre come un atto di intimidazione del regime jugoslavo contro gli italiani per costringerli a lasciare la loro città. Oggi una messa nel duomo officiata in lingua italiana dal parroco don Rikardo Lekaj, cui seguiranno vari discorsi e la deposizione di corone di fiori sul Cippo memoriale, commemoreranno la strage. Saranno presenti i rappresentati di varie associazioni di italiani di Pola e dell'Istria. Dei circa cento morti solo i corpi di 64 persone furono ricomposti e identificati, gli altri vennero sepolti senza nome. Nella tragedia emerse la figura di Geppino Micheletti, il medico che continuò a curare i feriti anche dopo aver saputo che nello scoppio erano morti i figlioletti Renzo e Carlo e il fratello e la cognata. (ANSA).

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Georgia: la presidente Zourabichvili pone il veto alla 'legge russa'

Nuova Caledonia: sesta vittima durante le proteste, perché Parigi accusa l'Azerbaijan

Maltempo in Europa: inondazioni in Germania, Scholz annulla comizio elettorale