EventsEventiPodcasts
Loader

Find Us

PUBBLICITÀ

Dirigente, in carceri lombarde emerso uso improprio manette

Sappe, non ha importanza l'incolumità degli uomini in divisa
Sappe, non ha importanza l'incolumità degli uomini in divisa
Diritti d'autore 
Di ANSA
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
euronews pubblica le notizie d'ansa ma non interviene sui contenuti degli articoli messi in rete. Gli articoli sono disponibili su euronews.com per un periodo limitato.

(ANSA) - MILANO, 14 AGO - Nelle carceri lombarde sarebbe "emerso un uso improprio dei mezzi di coercizione fisica". Si legge in un documento inviato il 7 agosto scorso dal Provveditore dell'amministrazione penitenziaria lombarda, Maria Milano, ai direttori degli istituti della regione. E' quanto è stato reso noto nei giorni scorsi, e polemicamente commentato, dal sindacato Sappe sul proprio sito. Oggi la notizia è stata rilanciata da diversi media. "Dalla lettura di eventi critici recentemente occorsi - è scritto nella circolare - è emerso, in talune circostanze, un utilizzo improprio dei mezzi di coercizione fisica. In particolare, è stato rilevato l'uso delle manette all'interno delle sezioni detentive per contenere gli agiti auto ed etero aggressivi posti in essere dai detenuti". "A tal riguardo si osserva che l'articolo 41 dell'ordinamento penitenziario, che detta i principi generali e disciplina limiti e condizioni dell'uso della forza e dei mezzi di coercizione fisica, demanda al regolamento di esecuzione la previsione di ulteriori strumenti ai quali, comunque, non vi si può fare ricorso - prosegue la nota - a fini disciplinari ma solo al fine di evitare danni a persone o cose o di garantire l'incolumità dello stesso soggetto. L'uso deve essere limitato al tempo strettamente necessario e deve essere costantemente controllato dal sanitario". Il Sappe commenta che "ovviamente, secondo la dirigente non ha alcuna importanza l'incolumità degli uomini in divisa che - in quanto tali - possono subire ogni sorta di violenza senza mai reagire". Il provveditore Regionale dell'Amministrazione Penitenziaria per legge è il datore di lavoro - conclude il sindacato - e "il datore di lavoro è tenuto a garantire la sicurezza e la salute dei lavoratori durante l'esecuzione della prestazione lavorativa, adottando le misure preventive e protettive necessarie a evitare i rischi di infortunio e malattie professionali (e parliamo di rischi non di prendere le mazzate tutti i giorni)". (ANSA).

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Guerra a Gaza: 8 soldati Idf morti nell'esplosione di un blindato, strutture sanitarie al collasso

Guerra a Gaza: colloqui in stallo, "catastrofe igienico-sanitaria"

Germania-Scozia 5 a 1, i padroni di casa vincono il match di apertura degli Europei Uefa 2024