EventsEventi
Loader

Find Us

FlipboardLinkedin
Apple storeGoogle Play store
PUBBLICITÀ

Conto salato per panini e caffè a San Teodoro,turisti denunciano

Due fiorentini si rivolgono ad associazione consumatori
Due fiorentini si rivolgono ad associazione consumatori
Diritti d'autore 
Di ANSA
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
euronews pubblica le notizie d'ansa ma non interviene sui contenuti degli articoli messi in rete. Gli articoli sono disponibili su euronews.com per un periodo limitato.

(ANSA) - SAN TEODORO, 12 AGO - Per due caffè e due panini con il salame hanno dovuto pagare 18 euro senza che venisse consegnato loro lo scontrino fiscale. È accaduto a due turisti di Firenze in vacanza al villaggio Baia Bianca di San Teodoro, sulla costa nord orientale della Sardegna. Venerdì scorso hanno pranzato nell'unico chiosco della spiaggia di Salina Bamba: il risultato è stato quello di sborsare 12 euro per i due panini e 6 euro per i caffè. I turisti, dopo aver pagato il conto, hanno deciso di rivolgersi all'associazione Giustitalia, che si occupa di tutela dei consumatori e dei cittadini, per segnalare quanto era accaduto. "La speculazione sui prezzi perpetrata da alcuni esercizi di ristorazione balneari nei confronti dei villeggianti rappresenta un fatto grave - spiega il presidente di Giustitalia, Luigi De Rossi - da denunciare alle autorità competenti. Per questa ragione abbiamo deciso di segnalare l'episodio al Garante per la sorveglianza sui prezzi e al Comune di San Teodoro per i provvedimenti del caso". Sotto la lente dell'associazione non ci sono solo i prezzi ritenuti troppo alti, ma la mancata consegna del documento fiscale. "Imporre un prezzo di ben 6 euro per un semplice panino al salame e di 3 euro per un caffè - precisa il presidente - rappresenta una intollerabile speculazione economica. Una bottiglietta d'acqua da mezzo litro veniva venduta a 2,5 euro, un prezzo alto per un bene di prima necessità acquistabile nell'unico chiosco presente in spiaggia. Ma la cosa ancora più grave è che non viene rilasciato alcuno scontrino fiscale". Secondo il racconto dei turisti, era stato affisso all'esterno del bar solo un tabellone con i prezzi. "I due fiorentini hanno consumato caffè e panini al banco - sottolinea De Rossi - e dopo aver pagato non hanno avuto la ricevuta fiscale". Non è la prima volta che l'associazione si occupa di casi simili in Sardegna: "Le altre volte sono capitati episodi in locali di lusso - evidenzia il presidente - ma in quei posti è normale pagare molto un aperitivo, in questo caso parliamo di beni quasi di prima necessità come il caffè o l'acqua". (ANSA).

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Elezioni europee: von der Leyen apre a un accordo con Meloni

Carlo Acutis diventerà santo: è il primo millennial, considerato patrono di Internet

Iran, funerali Raisi: migliaia di persone per sepoltura a Mashhad, a Teheran vertice con le milizie