EventsEventiPodcasts
Loader
Find Us
PUBBLICITÀ

Ischia, 22 milioni per la ricostruzione post frana e sisma

Ordinanza con 11 interventi, anche la bonifica del waterfront
Ordinanza con 11 interventi, anche la bonifica del waterfront
Diritti d'autore 
Di ANSA
Pubblicato il Ultimo aggiornamento
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
euronews pubblica le notizie d'ansa ma non interviene sui contenuti degli articoli messi in rete. Gli articoli sono disponibili su euronews.com per un periodo limitato.

(ANSA) - ISCHIA, 08 AGO - Arriva una ordinanza speciale per la ricostruzione di Ischia che potrà imprimere un'accelerazione agli interventi post-sisma e post frana. Sono 11 gli interventi oggetto della ordinanza approvata oggi, per un importo di 22 milioni di euro di lavori, il più importante dei quali riguarda il waterfront di Casamicciola: l'intera area davanti al complesso del Pio Monte della Misericordia sarà bonificata e resa sicura anche con la realizzazione di una vasca di colmata da riempire con il materiale di risulta derivanti dalla frana; sarà inoltre messa in sicurezza l'area di imbocco del canale dell'alveo tombato ed eliminati i rischi di ostruzione in caso di nuovi eventi alluvionali. Con questo intervento in pratica da piazza Marina ci sarà un'unica passeggiata a mare che terminerà alla fine di corso Luigi Manzi. Previsti inoltre interventi per la pulizia degli alvei, il dissabbiamento e l'efficientamento dei sistemi fognari, il trasporto dei materiali derivanti dalla frana verso gli impianti autorizzati al riuso e la realizzazione di sette aule scolastiche con l'adeguamento di una palestra nel comune di Forio per consentire il regolare svolgimento delle attività didattiche per gli studenti dell'Istituto Comprensivo di via D'Abundo. Approvata infine l'istituzione di un fondo dedicato all'avvio delle demolizioni degli edifici danneggiati dal sisma e dalla frana e misure specifiche per la loro accelerazione, con una dotazione finanziaria di 3 milioni di euro; si tratta di un passaggio importante per accelerare la demolizione e la rimozione delle macerie degli edifici danneggiati, già crollati o rischio di collasso che rappresentano un pericolo per la sicurezza e che possono rallentare la ricostruzione. (ANSA).

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Arabia Saudita: oltre 1.300 morti durante il pellegrinaggio Hajj alla Mecca

Russia: attacchi armati in Daghestan, nove persone uccise, sette sono agenti delle forze dell'ordine

La notte di mezza estate: origine, adattamento cristiano e celebrazioni in tutto il mondo