EventsEventi
Loader

Find Us

FlipboardLinkedin
Apple storeGoogle Play store
PUBBLICITÀ

In Campania 93 ragazzi detenuti, di cui 35 accusati di omicidio

Tentato e consumato (4). Il Garante: "dati allarmanti"
Tentato e consumato (4). Il Garante: "dati allarmanti"
Diritti d'autore 
Di ANSA
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
euronews pubblica le notizie d'ansa ma non interviene sui contenuti degli articoli messi in rete. Gli articoli sono disponibili su euronews.com per un periodo limitato.

(ANSA) - NAPOLI, 08 AGO - Negli Ipm, gli Istituti penali per minorenni della Campania, al 31 luglio sono presenti 93 detenuti: 59 a Nisida (43 italiani e 16 stranieri) e 34 ad Airola (23 italiani e 11 stranieri). Dei 93, 49 hanno tra i 14 e i 18 anni (29 italiani e 20 stranieri) 40 sono giovani adulti ed hanno tra i 18 e i 20 anni (33 italiani e 7 stranieri) e 4 detenuti italiani hanno un'età compresa tra i 22 e i 25 anni. Il "dato più allarmante" relativo a questi 93 detenuti, dice il garante campano Samuele Ciambriello, "riguarda i 35 accusati di omicidio volontario, di cui 31 per tentato omicidio e 4 per omicidio consumato". Altri 35 sono poi accusati di reati contro il patrimonio: 25 per rapina e 20 per furto. Secondo Ciambriello, che cita anche i 119 giovani in misura alternativa al carcere ospiti delle comunità per minori della Campania (sono 902 in tutta Italia), "da tempo assistiamo a fatti di cronaca sempre più violenti e immotivati compiuti da baby gang, composte ragazzi la cui età va progressivamente diminuendo fino a coinvolgere bambini in età scolare. Giovanissimi, aggressivi e violenti, che 'giocano a fare i grandi' a spese degli altri. Aggredendo e ferendo gravemente i loro coetanei senza un motivo, per il mero gusto di farlo". "Sono giovani - aggiunge il garante campano - che si uniscono per fare il male, per provare emozioni. In una subcultura, a Napoli, usano armi per difendersi e la cattiveria per offendere. Vivono insomma d'istinti e d'istante, vogliono tutto e subito e non avvertono la gravità e la responsabilità di quello che hanno fatto, hanno vuoti relazionali, valoriali ed affettivi. Il comune denominatore per migliaia di questi adolescenti che passano dal disagio alla devianza e dalla devianza alla microcriminalità è la non cultura, la dispersione scolastica. Occorre invertire la rotta, farlo subito altrimenti dopo è tardi", conclude Ciambriello. (ANSA).

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Georgia: la presidente Zourabichvili pone il veto alla 'legge russa'

Nuova Caledonia: sesta vittima durante le proteste, perché Parigi accusa l'Azerbaijan

Maltempo in Europa: inondazioni in Germania, Scholz annulla comizio elettorale