Maltempo si allontana, torna il caldo anticiclone africano

ilMeteo.it, in settimana l'estate si prende la rivincita
ilMeteo.it, in settimana l'estate si prende la rivincita
Diritti d'autore 
Di ANSA
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
euronews pubblica le notizie d'ansa ma non interviene sui contenuti degli articoli messi in rete. Gli articoli sono disponibili su euronews.com per un periodo limitato.

(ANSA) - ROMA, 07 AGO - Nel corso della settimana, appena iniziata, l'estate è pronta a prendersi una rivincita: dopo gli ultimi temporali su alcuni angoli d'Italia attesi nella giornata odierna, opera di un ciclone che va allontanandosi dal nostro Paese, ecco che è pronto a tornare sulla scena un redivivo anticiclone africano..Per Antonio Sanò, fondatore del sito www.ILMeteo.it, "l'attore principale di questo radicale cambiamento è l'anticiclone africano che, dall'interno del deserto del Sahara, si allungherà verso il mar Mediterraneo". Si tratta di correnti d'aria calda di matrice subtropicale che provocheranno, oltre a un'estrema stabilità atmosferica con tanto sole, anche un aumento sensibile delle temperature. Con questo tipo di configurazione il caldo si farà sentire in particolare da Mercoledì 9, sulle pianure del Nord, sulle regioni tirreniche e sulle due Isole maggiori dove i valori termici si porteranno diffusamente oltre i 35°C durante le ore pomeridiane. Addirittura, in città come Firenze o Roma si potranno raggiungere picchi fino a 38°C, insomma saremo di fronte alla tipica fiammata di calore africana. Queste condizioni meteo-climatiche potrebbero accompagnarci almeno fino a Ferragosto, per una sorta di blocco anticiclonico con l'alta pressione ben piantata sull'Europa centro-meridionale. Solamente al Nord (specie sulle Alpi), qualche temporale potrebbe riuscire a bucare l'alta pressione (ANSA).

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Le notizie del giorno | 24 aprile - Pomeridiane

Crisi climatica, Ue: torna freddo dopo i picchi di caldo a rischio i frutteti

Crisi in Medio Oriente: quale futuro per la difesa comune europea