EventsEventi
Loader

Find Us

FlipboardLinkedin
Apple storeGoogle Play store
PUBBLICITÀ

Donna uccisa in parco, sindaco: 'forse morte si poteva evitare'

Iris Setti era uscita per andare ad assistere la madre
Iris Setti era uscita per andare ad assistere la madre
Diritti d'autore 
Di ANSA
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
euronews pubblica le notizie d'ansa ma non interviene sui contenuti degli articoli messi in rete. Gli articoli sono disponibili su euronews.com per un periodo limitato.

(ANSA) - TRENTO, 06 AGO - Si chiamava Iris Setti la donna di 61 anni uccisa di con percosse dall'uomo che l'ha aggredita ieri sera verso le 22.30 nel parco Nikolajevka di Rovereto. Pare che la vittima stesse attraversando il parco per poi recarsi sul Lungo Leno, dove vive la madre, per accudirla. Iris Setti è morta in ospedale a Trento a causa dei traumi e delle ferite riportate. A quanto si apprende la vittima è stata aggredita improvvisamente da uno straniero senza fissa dimora che lo scorso anno si era reso responsabile di danneggiamenti in una via della città, assalendo delle persone e camminando sulle auto. Il 40enne aveva anche aggredito i carabinieri e gli agenti della polizia locale di Rovereto che erano intervenuti per fermarlo. "Siamo provati per il dolore infinito che una tragedia come questa provoca ma allo stesso tempo vogliamo capire cosa non ha funzionato", dice all'ANSA il sindaco di Rovereto, Francesco Valduga. Il primo cittadino è arrivato sul luogo dell'aggressione pochi minuti dopo, avvisato mentre si trovava a poca distanza per la tradizionale cena di condivisione in centro storico per le celebrazioni della patrona della città. "Io non voglio accusare nessuno - prosegue Valduga - il dolore della comunità è profondissimo. Ma, allo stesso tempo, abbiamo bisogno di capire. Di fare domande alle quali devono essere date risposte, cioè che cosa in un sistema non funziona. L'altra volta l'aggressore era stato immobilizzato in pieno giorno e si era riusciti a contenerne la furia. Quindi non possiamo immaginare che ci si limiti ad esprimere il dolore: c'era stato un precedente che dobbiamo capire se poteva evitarci quanto accaduto. Qui non c'entra il luogo in cui è successo o l'ora, ma lo stato di questa persona, che era conosciuta", conclude Valduga. (ANSA).

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Turbolenza su un volo dal Qatar diretto in Irlanda: almeno 12 feriti

Guerra in Ucraina, salgono a 16 le vittime dell'attacco russo su un negozio a Kharkiv

Guerra a Gaza: razzi di Hamas contro Israele, sirene a Tel Aviv