EventsEventi
Loader

Find Us

FlipboardLinkedin
Apple storeGoogle Play store
PUBBLICITÀ

Omicidio nel Nuorese, si scava nel passato della vittima

Proseguono le indagini dei carabinieri, caccia al killer
Proseguono le indagini dei carabinieri, caccia al killer
Diritti d'autore 
Di ANSA
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
euronews pubblica le notizie d'ansa ma non interviene sui contenuti degli articoli messi in rete. Gli articoli sono disponibili su euronews.com per un periodo limitato.

(ANSA) - NUORO, 05 AGO - Il pubblico ministero di Nuoro Ireno Satta ha disposto l'autopsia sul corpo di Luca Goddi, l'allevatore 47enne ucciso ieri a Orune in pieno giorno sotto il palco della festa di Su Cossolu, di cui sono state annullate le celebrazioni. Sarà eseguita all'ospedale San Francesco a Nuoro dall'anatomopatologo Matteo Nioi nei prossimi giorni, probabilmente lunedì. Il corpo dell'allevatore è stato crivellato da diversi colpi di pistola esplosi a distanza ravvicinata mentre era alla postazione di guida della sua Golf blu, i cui vetri del lato autista si sono infranti sotto i colpi dell'arma. Quando i medici del 118 sono arrivati sul posto, il corpo di Goddi riverso nel posto di guida è stato estratto dall'abitacolo per provare a rianimarlo, ma ogni tentativo è stato vano. L'uomo da qualche tempo viveva a Budoni, sulla costa nord orientale della Sardegna, così come diversi suoi fratelli erano andati via da Orune per trasferirsi in Toscana. Era rientrato in paese per il funerale di un amico e probabilmente sarebbe ripartito in serata, ma non ha fatto in tempo. I carabinieri del Nucleo investigativo di Nuoro e della Compagnia di Bitti hanno sentito diverse persone che erano presenti al momento dell'agguato, ma anche conoscenti, parenti e amici del 47enne. Gli inquirenti inoltre stanno analizzando il contenuto di alcune telecamere presenti in centro. E si scava nel passato dell'uomo che aveva diversi precedenti penali alle spalle: era stato arrestato nel 2009, con accuse che vanno dalla rapina a furgoni portavalori avvenute in Toscana, ai furti, ricettazione, detenzione di armi. Nel 1997, quando aveva 21 anni, era stato condannato a cinque anni per una rapina all'ufficio di corrispondenza del Banco di Sardegna di Monti. (ANSA).

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Guerra in Ucraina: entrata in vigore la legge sulla mobilitazione, cosa prevede

Polonia: maxi finanziamento per rafforzare il confine con Bielorussia e Russia

Maltempo: in Francia e Belgio case allagate e auto sommerse