EventsEventiPodcasts
Loader
Seguiteci
PUBBLICITÀ

Migrante sbarca a Lampedusa e partorisce al poliambulatorio

Donna della Costa d'Avorio assistita dall'equipe dell'Asp
Donna della Costa d'Avorio assistita dall'equipe dell'Asp
Diritti d'autore 
Di ANSA
Pubblicato il Ultimo aggiornamento
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
euronews pubblica le notizie d'ansa ma non interviene sui contenuti degli articoli messi in rete. Gli articoli sono disponibili su euronews.com per un periodo limitato.

(ANSA) - PALERMO, 05 AGO - Sbarca a Lampedusa, viene trasferita al Poliambulatorio perché, al nono mese di gravidanza, ha le contrazioni e mette al mondo un bambino, chiamato Eli, di 2,8 kg. Ad aiutare la trentaduenne della Costa d'Avorio sono stati i medici dell'Asp di Palermo, che, al molo Favaloro, si occupano del triage di tutti i migranti e quelli del Poliambulatorio. Mamma e figlio stanno bene. "Diamo il benvenuto al piccolo e un forte abbraccio alla neo mamma - dice il commissario straordinario dell'Asp di Palermo, Daniela Faraoni -, nonché a tutto il personale del Poliambulatorio che, quotidianamente e con grande professionalità, assiste la popolazione residente, i tanti turisti ed i migranti". A far nascere il piccolo Eli, nella saletta chirurgica del Poliambulatorio, è stata l'equipe guidata dal ginecologo dell'Asp di Palermo, Ugo Polizzotti. A coadiuvare lo specialista, il pediatra Giacomo Marchese, il chirurgo Domenico Capizzi, il cardiologo Nicola La Manna, le rianimatrici Angela Sferruzza e Daniela Palma, ma anche i sanitari di guardia medica Maria Ylenia Di Paola e Alberto Spataro e quello della guardia turistica Roberta Xafis e l'infermiere Franco Galletto. "Abbiamo utilizzato la saletta chirurgica che avevamo attrezzato con kit sterili e kit da parto per un eventuale parto precipitoso e non trasferibile - ha spiegato il direttore del dipartimento Salute della Famiglia dell'Asp di Palermo, Giuseppe Canzone - la donna, alla sua terza gravidanza, era alla 40esima settimana di gestazione e, ormai, in pieno travaglio. Si è reso necessario farla partorire al poliambulatorio dove l'equipe è intervenuta con grande professionalità. E' un evento straordinario e ci eravamo preparati attrezzando la struttura, già dotata del materiale necessario e, tra l'altro, di un ecografo di ultima generazione dedicato all'attività ostetrico-ginecologica". Appena poche ore prima, nella stessa struttura di contrada Grecale, era arrivata una giovane nigeriana che, al nono mese di gravidanza, ha abortito dopo lo sbarco. La donna è stata trasferita d'urgenza, con elisoccorso del 118, all'ospedale di Agrigento. (ANSA).

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Olimpiadi: tuffo nella Senna per la ministra dello Sport Oudéa-Castéra

János Bóka: "L'Europa deve avere rapporti diplomatici con la Russia"

Spagna: sette feriti nella festa a Pamplona, nessuno dalle corna dei tori