EventsEventi
Loader

Find Us

FlipboardLinkedin
Apple storeGoogle Play store
PUBBLICITÀ

'Fioravanti e Mambro innocenti'. Bufera su De Angelis

Ex terrorista nero è il responsabile comunicazione del Lazio
Ex terrorista nero è il responsabile comunicazione del Lazio
Diritti d'autore 
Di ANSA
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
euronews pubblica le notizie d'ansa ma non interviene sui contenuti degli articoli messi in rete. Gli articoli sono disponibili su euronews.com per un periodo limitato.

(ANSA) - ROMA, 05 AGO - "So per certo che con la strage di Bologna non c'entrano nulla Fioravanti, Mambro e Ciavardini. Non è un'opinione: io lo so con assoluta certezza". Marcello De Angelis, ex terrorista nero, cognato dell'ex Nar Luigi Ciavardini e oggi responsabile della comunicazione istituzionale della Regione Lazio guidata da Francesco Rocca, scrive su Fb questo ed altro a pochi giorni di distanza dal 2 agosto "un giorno - puntualizza - molto difficile per chiunque conosca la verità e ami la giustizia, che ogni anno vengono conculcate persino dalle massime autorità dello Stato (e mi assumo fieramente la responsabilità di quanto ho scritto e sono pronto ad affrontarne le conseguenze)". Solo tre giorni fa il presidente della Repubblica Sergio Mattarella, nel 43esimo anniversario dell'attentato del 2 agosto 1980 che conta 85 vittime e 200 feriti, ha sottolineato nel messaggio alla città che "la matrice neofascista della strage è stata accertata nei processi e sono venute alla luce coperture e ignobili depistaggi". Marta Bonafoni, consigliera regionale del Lazio e coordinatrice della segreteria nazionale del Pd, parla di 'parole gravissime'; lei e Sandro Ruotolo, della segreteria del Pd, chiedono al presidente della Regione Lazio Francesco Rocca "di prendere immediatamente le distanze da quelle parole". Per Paolo Bolognesi, presidente dell'associazione dei familiari della vittima della Strage di Bologna, "queste sono le certezze dei pallonari che non tengono conto dei risultati dei processi e delle indagini che sono state fatte in tutti questi anni. Credo proprio che sia un incorreggibile che pensa che la sua parola superi tutte le prove". Durissima l'Anpi, per la quale "le dichiarazioni sulla strage di Bologna di De Angelis confermano che bene avevamo fatto nel chiedere la revoca della nomina a chi è incompatibile con i valori della Repubblica democratica e antifascista della Costituzione". "Il presidente Rocca prenda le distanze dal suo portavoce De Angelis, non trascini l' istituzione Regione in questo affronto storico", scrive in un tweet il consigliere regionale ed esponente di Azione Alessio d'Amato. (ANSA).

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Guerra a Gaza: proteste a Tel Aviv, apre il valico di Kerem Shalom

Guerra in Ucraina: nuovi aiuti dagli Stati Uniti, il G7 valuta di finanziare Kiev con i beni russi

Papua Nuova Guinea: frana provoca oltre 600 morti