Occhiuto incontra testimone di giustizia De Masi, 'lo ammiro'

Governatore: 'imprenditore diventato, suo malgrado, un simbolo'
Governatore: 'imprenditore diventato, suo malgrado, un simbolo'
Di ANSA
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
euronews pubblica le notizie d'ansa ma non interviene sui contenuti degli articoli messi in rete. Gli articoli sono disponibili su euronews.com per un periodo limitato.

(ANSA) - GIOIA TAURO, 03 AGO - Il presidente della Regione Calabria, Roberto Occhiuto, ha incontrato a Gioia Tauro, nella sede della sua azienda, l'imprenditore Nino De Masi, testimone di giustizia che ha denunciato negli anni scorsi le richieste estorsive ricevute dalla 'ndrangheta ed alle quali si é sempre opposto. Da allora De Masi vive sotto protezione. "Nino De Masi - afferma Occhiuto in una nota - è diventato, suo malgrado, un simbolo, in Calabria e nel Paese, della lotta e della ribellione alla criminalità organizzata. Una persona che ammiro e che stimo per il grande coraggio dimostrato negli anni e per la determinazione con la quale si è opposto alle angherie e alle minacce della 'ndrangheta, restando sempre nella sua regione per creare crescita, sviluppo e occupazione. Con lui ho avuto una piacevole chiacchierata ed un proficuo confronto, con tante idee e tante possibili iniziative per valorizzare nel nostro territorio la cultura della legalità". "Le istituzioni - dice ancora il Governatore della Calabria - devono essere vicine a personalità come De Masi e devono sostenere concretamente gli imprenditori che, opponendosi alle mafie, hanno pagato negli anni e continuano a pagare un prezzo, dal punto di vista economico e personale, davvero incalcolabile". (ANSA).

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Danimarca: incendio nella sede della vecchia borsa di Copenhagen: crollata l'iconica guglia

Sidney, accoltellamento in Chiesa: "Estremismo religioso". Stabili le condizioni dei feriti

Guerra in Ucraina, Mosca avanza sul fronte orientale. Zelensky: "alleati ci difendano come Israele"