EventsEventiPodcasts
Loader
Find Us
PUBBLICITÀ

E' morta Madre Elvira, fondatrice della Comunità Cenacolo

Rita Agnese Petrozzi. Aprì 70 comunità nel mondo
Rita Agnese Petrozzi. Aprì 70 comunità nel mondo
Diritti d'autore 
Di ANSA
Pubblicato il Ultimo aggiornamento
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
euronews pubblica le notizie d'ansa ma non interviene sui contenuti degli articoli messi in rete. Gli articoli sono disponibili su euronews.com per un periodo limitato.

(ANSA) - SALUZZO, 03 AGO - Rita Agnese Petrozzi, conosciuta come Madre Elvira, è morta questa mattina, a 86 anni, assistita dalle suore della Comunità Cenacolo, nella piccola casa a Bramafarina, tra Saluzzo e Pagno, in valle Bronda, nel cuneese, dove risiedeva da alcuni anni, in seguito all'aggravarsi delle sue condizioni di salute Nata a Sora, in provincia di Frosinone, nel1937, 'figlia di gente povera', come si definiva lei stessa, emigrata ad Alessandria, a19 anni entrò in convento a Borgaro Torinese, tra le suore della Carità di Santa Giovanna Antida Thouret, dove diventò suor Elvira. La svolta, nel luglio 1983, quando ricevette le chiavi di una villa diroccata sulla collina di Saluzzo, che trasformerà nella Comunità Cenacolo, un luogo dove verranno accolti gli 'ultimi': tossicodipendenti, disagiati, ragazzi in difficoltà. In 40 anni suor Elvra ha aperto oltre 70 comunità in tutto il mondo e sono decine di migliaia le persone accolte in tutti questi anni. Ha incontrato Papi, cardinali, impressionandoli con la sua umanità e il suo 'fuoco' negli occhi. "La preghiera è un dono di Dio - diceva -. È un regalo. Ho voluto che anche i giovani che accoglievo potessero non solo sentire parlare di Dio, ma vedere la sua paternità concreta". (ANSA).

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Kenya: almeno 5 morti nelle proteste a Nairobi contro l'approvazione della legge finanziaria

Le notizie del giorno | 25 giugno - Serale

Ucraina: mandati di arresto della Cpi per i generali russi Shoigu e Gerasimov per crimini di guerra