EventsEventiPodcasts
Loader
Find Us
PUBBLICITÀ

Tensione al corteo per Michelle, raid nella casa dell'arrestato

Un mese fa l'omicidio della 17enne a Roma. La madre: 'Giustizia'
Un mese fa l'omicidio della 17enne a Roma. La madre: 'Giustizia'
Diritti d'autore 
Di ANSA
Pubblicato il Ultimo aggiornamento
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
euronews pubblica le notizie d'ansa ma non interviene sui contenuti degli articoli messi in rete. Gli articoli sono disponibili su euronews.com per un periodo limitato.

(ANSA) - ROMA, 28 LUG - "Dove sta lo Stato? Hanno ammazzato una ragazza! Giustizia!". Lo hanno gridato alcuni giovani presenti al corteo per ricordare Michelle Causo, la ragazza di 17 anni uccisa un mese fa nel quartiere Primavalle, a Roma. E poi hanno bloccato il traffico per qualche minuto, colpendo anche un'auto ferma. "Qui non si passa!", hanno urlato costringendo i veicoli a fare retromarcia. "Le donne non si toccano!", hanno aggiunto in coro. Ci sono stati momenti di tensione durante la manifestazione, a cui hanno partecipano anche i genitori e il fidanzato di Michelle, che ha sfilato nel tardo pomeriggio per le vie del quartiere della periferia romana. Il corteo è partito dalla chiesa di Santa Maria della Presentazione per giungere il luogo dove il 28 giugno è stato trovato il cadavere della ragazza, lasciato in un carrello della spesa vicino a dei cassonetti dei rifiuti. "Giustizia" ha gridato ancora un gruppo di giovani facendo irruzione nello stabile in via Dusmet, dove Michelle è stata uccisa e dove abitava il ragazzo di 17 anni che è stato arrestato per il suo omicidio. Un blitz di pochi minuti gridando insulti e lasciando cartelli all'entrata con su scritto "Stop alla violenza". Ma non solo. Secondo la polizia, che li ha poi identificati, al corteo, che inizialmente si svolgeva con una ventina di persone in modo del tutto pacifico, si sono aggiunti un centinaio di ragazzi tra i 15 e 18 anni: hanno prima bloccato il traffico, poi colpito un'auto. Un gruppo ha aperto con violenza il portone della palazzina dove abitava l'arrestato, poi forzati i sigilli è entrato danneggiando l'appartamento. La Polizia Scientifica ha ripreso tutti i partecipanti. Molti di loro, già identificati, saranno denunciati. Il blitz nell'abitazione si è svolto tra fischia e urla in strada. Con vari residenti affacciati ai balconi. "Voglio che lo Stato cominci a fare qualche cosa. Questa tragedia ci ha toccato troppo da vicino e nessuno vuole la violenza, in primis Michelle. Queste cose devono finire per sempre. Chiedo solo che lo Stato faccia il proprio lavoro, un delinquente del genere non doveva stare dove stava", ha detto la mamma di Michelle Causo, al termine del corteo. (ANSA).

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Israele pensa a una fase C: "possibile" de-escalation a Gaza

Julian Assange è libero e ha lasciato il Regno Unito: ha patteggiato con la giustizia Usa

Le notizie del giorno | 25 giugno - Mattino