EventsEventiPodcasts
Loader

Find Us

PUBBLICITÀ

Cinquanta furti nel Sud Piemonte, nove in manette

Sgominata dai carabinieri di Cuneo la banda del 'Pater familias'
Sgominata dai carabinieri di Cuneo la banda del 'Pater familias'
Diritti d'autore 
Di ANSA
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
euronews pubblica le notizie d'ansa ma non interviene sui contenuti degli articoli messi in rete. Gli articoli sono disponibili su euronews.com per un periodo limitato.

(ANSA) - CUNEO, 27 LUG - Nove misure cautelari e una cinquantina di furti contestati tra il Cuneese, l'Alessandrino e l'Astigiano. È il frutto dell'operazione "Pater Familias" dei Carabinieri del Comando Provinciale di Cuneo, coordinata dalla Procura di Asti, che ha consentito di sgominare una banda di ladri professionisti, tutti italiani di etnia sinti più un cubano. Cinque indagati sono in carcere, tre ai domiciliari, a un altro è stato imposto l'obbligo di dimora. Il bottino è stimato in circa 200mila euro solo per i 32 colpi contestati nell'ordinanza, ma ce ne sono un'altra ventina che gli inquirenti ritengono di poter ricondurre alla stessa banda. Autentici professionisti del crimine, commenta il procuratore di Asti Biagio Mazzeo: lo si capisce dall'abitudine di servirsi, anziché di cellulari, di ricetrasmittenti e sistemi di comunicazione occultati nel bavero della giacca. Gli indagati effettuavano sistematiche bonifiche delle due auto sportive utilizzate per i colpi, allo scopo di rimuovere eventuali microspie, e applicavano alle targhe clonate adesive, indistinguibili da quelle autentiche, e una pellicola in grado di fare assumere al veicolo una colorazione cangiante. Il "pater familias" del clan è il pregiudicato Cristiano Audisio, classe 1980, residente a Magliano Alpi (Cuneo): era lui - aiutato dal figlio 23enne Luigi Mischa - a programmare i colpi e a guidare le "batterie", composte da tre persone per volta (altri erano deputati solo all'intestazione fittizia delle auto o alla bonifica ambientale). Oltre alle due Audi, intestate a prestanome, durante le perquisizioni e gli arresti eseguiti da un'ottantina di carabinieri sono stati recuperati arnesi da scasso, strumenti per la bonifica dalle microspie, lampeggianti e una paletta fasulla con lo stemma della polizia locale, più gioielli e orologi di pregio: sono ritenuti provento di furto anche i 45mila euro in contanti e le sedici bottiglie di champagne ritrovate in casa del "pater familias". (ANSA).

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Guerra a Gaza: 8 soldati Idf morti nell'esplosione di un blindato, strutture sanitarie al collasso

Guerra a Gaza: colloqui in stallo, "catastrofe igienico-sanitaria"

Germania-Scozia 5 a 1, i padroni di casa vincono il match di apertura degli Europei Uefa 2024