EventsEventiPodcasts
Loader
Seguiteci
PUBBLICITÀ

Per il delitto di Laura Bigoni una nuova pista dopo 30 anni

L'indagine riaperta nel 2021 in seguito a una testimonianza
L'indagine riaperta nel 2021 in seguito a una testimonianza
Diritti d'autore 
Di ANSA
Pubblicato il Ultimo aggiornamento
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
euronews pubblica le notizie d'ansa ma non interviene sui contenuti degli articoli messi in rete. Gli articoli sono disponibili su euronews.com per un periodo limitato.

(ANSA) - MILANO, 22 LUG - Dopo 30 anni una nuova testimonianza riporta in primo piano un cold case rimasto senza colpevole, l'omicidio di Laura Bigoni che fu trovata morta a soli 23 anni nella notte tra il 31 luglio e il primo agosto del 1993 a Clusone, in provincia di Bergamo, nella casa di vacanza della famiglia. Chi l'ha uccisa l'ha fatto colpendola con nove coltellate alla gola e al petto. L'assassino non è mai stato identificato, anche se gli inquirenti all'epoca avevano concentrato le loro attenzioni sull'allora fidanzato Jimmy Bevilacqua, condannato a 24 anni in primo grado e poi assolto in Appello, sentenza confermata dalla Cassazione. A svelare che l'indagine è stata riaperta, non adesso ma nel 2021, è il periodico Araberara che alla fine di maggio di quell'anno ha raccolto una nuova pista, che questura e procura di Bergamo stanno vagliando. Si tratta della testimonianza di una donna che frequentava Clusone e viveva a Milano, proprio come Laura, i cui genitori erano portinai in un palazzo di Porta Romana dove vivevano Dario Fo e Franca Rame. La testimone, come ha dichiarato al periodico, lavorava nello stesso posto della ragazza come addetta alle pulizie al Comune di Milano e ha spiegato di essersi licenziata perché un uomo aveva tentato più volte di violentarla. "Quando io fui aggredita, quel tizio aveva un accendino e una bomboletta. - ha raccontato - Ho letto che l'assassino di Laura aveva tentato di dare fuoco al materasso con una bomboletta". Inoltre la donna ha raccontato che questo uomo era arrivato qualche volta al lavoro con un taxi giallo di proprietà del fratello, mezzo che alcune persone dichiararono di avere visto sotto l'appartamento di Laura Bigoni la notte dell'omicidio. "Mi vennero i brividi quando a Clusone fu uccisa la ragazza milanese... lei lavorava negli uffici dove c'era questo tipo", ha svelato ancora. La testimone ha consegnato ai giornalisti di Araberara anche il nome di quest'uomo e loro si sono rivolti alla polizia. (ANSA).

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Guerra a Gaza: decine di morti nel campo di Nuseirat, la Nuova Zelanda contro Israele

Pakistan: tre morti e venti feriti in un attacco durante una marcia per la pace

Blocco informatico: lento ripristino delle attività dopo l'aggiornamento di Crowdstrike