EventsEventi
Loader

Find Us

PUBBLICITÀ

Donna denuncia a Viterbo, 'rapita, picchiata e violentata'

Arrivata al pronto soccorso sotto choc. Indagano i carabinieri
Arrivata al pronto soccorso sotto choc. Indagano i carabinieri
Diritti d'autore 
Di ANSA
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
euronews pubblica le notizie d'ansa ma non interviene sui contenuti degli articoli messi in rete. Gli articoli sono disponibili su euronews.com per un periodo limitato.

(ANSA) - ROMA, 21 LUG - Quando è arrivata al pronto soccorso dell'ospedale Belcolle di Viterbo ha raccontato di essere stata rapita e poi violentata per due giorni. Si tratta di una 30enne di origini sudamericane, la donna è arrivata ieri pomeriggio al nosocomio del capoluogo con i vestiti laceri e in stato di choc. Ai carabinieri intervenuti immediatamente sul posto, la donna avrebbe raccontato di essere stata ripetutamente picchiata e violentata per due giorni, da due uomini, in un appartamento del centro storico. In base al racconto fatto agli inquirenti, la 30enne dopo essere arrivata in città con il treno per essere ospitata da una sua amica, avrebbe incontrato i suoi presunti aggressori fuori la stazione. I due l'avrebbero convinta a seguirli in una zona appartata dove, l'avrebbero obbligata a salire su una macchina. La donna poi sarebbe stata portata in un appartamento del centro dove, si sarebbe consumata la presunta violenza. Infine, sempre dalla sua versione dei fatti, approfittando dell'assenza dei dei due uomini, sarebbe riuscita a uscire in strada per chiedere aiuto ad alcuni passanti. Sulla delicata vicenda stanno indagando carabinieri del comando provinciale di Viterbo. Tuttavia, ci sarebbero ancora molti punti da chiarire nel racconto della donna. (ANSA).

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Mar Rosso, gli Stati Uniti: "Nave greca attaccata dagli Houthi"

Trump, processo verso la fine: sentenza attesa entro la settimana

Gaza, carri armati nel centro di Rafah: Israele, Usa ed Europa divisi dopo attacchi a campi profughi