EventsEventiPodcasts
Loader
Seguiteci
PUBBLICITÀ

Terra dei fuochi, confermata maxi confisca per imprenditori

Da oltre 200 milioni euro, sentenza Corte di Appello di Napoli
Da oltre 200 milioni euro, sentenza Corte di Appello di Napoli
Diritti d'autore 
Di ANSA
Pubblicato il Ultimo aggiornamento
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
euronews pubblica le notizie d'ansa ma non interviene sui contenuti degli articoli messi in rete. Gli articoli sono disponibili su euronews.com per un periodo limitato.

(ANSA) - NAPOLI, 19 LUG - Confisca del patrimonio confermata per i tre fratelli Giovanni, Cuono e Salvatore Pellini, imprenditori del settore ambientale condannati per traffico illecito di rifiuti e ritenuti tra i responsabili dell'inquinamento dell'area dell'hinterland napoletano ricadente nella cosiddetta Terra dei Fuochi. La Corte d'Appello di Napoli (ottava sezione, collegio presieduto da Rosa Maria Caturano) ha infatti respinto l'istanza presentata dai difensori dei Pellini - gli avvocati Francesco Picca, Stefano Preziosi e Paola Tafuro - che chiedevano di dichiarare l'inefficacia del provvedimento con cui gli stessi giudici di secondo grado avevano confermato a metà giugno la confisca dei beni per un valore di circa 200 milioni di euro disposta in primo grado; un'inefficacia derivante, secondo i legali, dalla violazione del termine perentorio di 18 mesi richiesti dalla legge per emettere un provvedimento di secondo grado. (ANSA).

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Cipro, cinquant' anni dopo l'invasione turca del 1974 che portò alla spartizione del Paese

Le notizie del giorno | 17 luglio - Serale

Parigi 2024, la sindaca Hidalgo nuota nella Senna alla vigilia delle Olimpiadi