Infiltrazioni mafiose nel bar del Palagiustizia, 4 arresti

Operazione in corso a Torino e Liguria
Operazione in corso a Torino e Liguria
Diritti d'autore 
Di ANSA
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
euronews pubblica le notizie d'ansa ma non interviene sui contenuti degli articoli messi in rete. Gli articoli sono disponibili su euronews.com per un periodo limitato.

(ANSA) - TORINO, 18 LUG - È in corso dall'alba di questa mattina un'operazione antimafia, con arresti eseguiti a Torino, Trofarello (Torino), Albenga (Savona) e Laigueglia (Savona). La Dda di Torino e il nucleo investigativo del comando provinciale dei carabinieri hanno dato esecuzione a un'ordinanza di custodia cautelare in carcere, disposta dal gip, nei confronti di quattro persone, per i reati di associazione per delinquere di tipo mafioso, estorsione, usura, trasferimento fraudolento di beni e organizzazione del gioco d'azzardo. Al centro dell'inchiesta anche l'infiltrazione nella cooperativa sociale Liberamensa, fondata a Torino nel 2016 e messa in liquidazione nel 2020, che reimpiegava dei carcerati nel mondo della ristorazione, aggiudicandosi l'appalto del ristorante all'interno del carcere Lo Russo e Cutugno e del bar interno al Palazzo di giustizia, del capoluogo piemontese. I pm titolari dell'inchiesta sono Paolo Toso e Francesco Pelosi. Questa mattina è stato arrestato in Liguria ad Albenga, dove abita, Rocco Pronestì, 72 anni, considerato dagli inquirenti storico appartenente alla criminalità organizzata in Piemonte e da anni legato ai maggiori esponenti della 'ndrangheta locale, quali Mario Ursini, Placido Barresi e Domenico Belfiore. Pronestì era già stato arrestato in passato per vari reati in materia di armi e traffico di stupefacenti, ma era sinora sfuggito alla condanna per il reato di associazione mafiosa. In carcere anche Rocco Cambrea, 62 anni, arrestato a Laigueglia dove si trovava in vacanza. Coinvolto trent'anni fa nell'operazione 'Cartagine', era tornato nel bar di via Postumia, dove recentemente, come era avvenuto all'epoca, ha aperto una bisca clandestina. Secondo l'accusa Pronestì e Cambrea avrebbero praticato usura ed estorsioni a diversi giocatori, spalleggiati da altri due arrestati questa mattina, Saverio Giorgitto, 54 anni, e Crescenzo D'Alterio, 48 anni. (ANSA).

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Ilaria Salis candidata alle elezioni europee con Alleanza Verdi e Sinistra

Polonia, arrestata sospetta spia russa: raccoglieva informazioni per attacco a Zelensky

Crisi in Medio Oriente, tra gli italiani preoccupazione e insoddisfazione per il ruolo dell'Ue