EventsEventiPodcasts
Loader
Seguiteci
PUBBLICITÀ

Fratello di Borsellino, 'in via D'Amelio non vogliamo avvoltoi'

Polemiche e divisioni a vigilia dell'anniversario della strage
Polemiche e divisioni a vigilia dell'anniversario della strage
Diritti d'autore 
Di ANSA
Pubblicato il Ultimo aggiornamento
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
euronews pubblica le notizie d'ansa ma non interviene sui contenuti degli articoli messi in rete. Gli articoli sono disponibili su euronews.com per un periodo limitato.

(ANSA) - PALERMO, 17 LUG - "Non vogliamo che ci siano avvoltoi in via D'Amelio, ipocriti che portino corone e onori fasulli". Salvatore Borsellino, fratello del magistrato ucciso dalla mafia e animatore del movimento delle agende rosse, rinfocola le polemiche sulla manifestazioni che si svolgeranno a Palermo il 19 luglio, per il 31esimo anniversario della strage di via D'Amelio. "Ho giurato - spiega Borsellino - che non avrei più permesso simboli di morte laddove c'è l'Albero della pace voluto da mia madre e dove intendo realizzare un Giardino della pace". "Le esternazioni del ministro Nordio - aggiunge il fratello del magistrato ucciso -, al di là del loro esito, hanno mostrato la volontà di demolire la legislazione pensata da Giovanni Falcone e Paolo Borsellino per dare gli strumenti necessari a combattere la criminalità organizzata. Non deve essere consentito". In occasione dell'anniversario della strage si svolgeranno due manifestazioni, una organizzata dal cartello di associazioni e movimenti, comprese le Agende rosse, che ha promosso un corteo all'insegna dello slogan "Basta Stato Mafia", dall'albero Falcone a Via D'Amelio, l'altra sarà la tradizionale fiaccolata promossa ogni anno dalla destra. La premier Giorgia Meloni ha fatto sapere che sarà a Palermo per ricordare Paolo Borsellino. (ANSA).

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Attentato a Donald Trump, le teorie cospirative e le fake news da milioni di visualizzazioni

La Nato inaugura il centro di comando per il supporto all'Ucraina in Germania

No alla Nato e all'Unione Europea: viaggio tra i serbi di Bosnia-Erzegovina