EventsEventiPodcasts
Loader

Find Us

PUBBLICITÀ

Cub Scuola, assurdo l'algoritmo per entrate in ruolo e supplenze

Ricorso al Tar. Il segretario, 'tornare alle nomine in presenza'
Ricorso al Tar. Il segretario, 'tornare alle nomine in presenza'
Diritti d'autore 
Di ANSA
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
euronews pubblica le notizie d'ansa ma non interviene sui contenuti degli articoli messi in rete. Gli articoli sono disponibili su euronews.com per un periodo limitato.

(ANSA) - MILANO, 15 LUG - L'applicazione dell'Intelligenza Artificiale (Ai) da parte del ministero dell'Istruzione per oltre 220 mila docenti fra assegnazione delle cattedre e supplenti "è inapplicabile e determina enormi problemi per l'entrata in lavoro degli insegnanti e di conseguenza per milioni di studenti il prossimo anno scolastico". Lo denuncia la Cub Scuola che ritiene "assurda l'applicazione di un algoritmo a tal fine". "Si è deciso di render quasi simultanea l'immissione in ruolo di circa 50mila docenti e l'assegnazione delle cattedre ai restanti 170 mila e più supplenti annuali - sottolinea il sindacato -. In questo modo i primi non potranno cancellarsi per tempo dalla graduatoria, bloccando cattedre che dovranno poi essere assegnate in un 'secondo turno', mentre i secondi si troveranno costretti a scegliere le sedi di servizio 'al buio' potendo solo optare tra rischiare di finire a 100 km da casa o di non potere accettare l'incarico e rimanere disoccupati". "La procedura 2023, infatti, non prevede - spiega la Cub Scuola - che al secondo turno le cattedre risultate vacanti dopo l'immissione dei nuovi docenti di ruolo vadano, come imporrebbe la legge e il merito, al docente con il maggior punteggio in graduatoria, bensì al primo escluso dal primo turno di nomina, saltando così a piè pari tutti coloro che, pur con maggiori titoli, non avevano trovato collocazione al primo turno". Il sindacato afferma che "é ora di porre fine a questo abuso di potere e tutelare allo stesso tempo allievi fragili, docenti e famiglie" e annuncia che ricorrerà in urgenza al Tar del Lazio per ottenere una sospensiva di questa procedura illogica e illegale". Secondo Cosimo Scarinzi, segretario della Cub Scuola, "basterebbe ritornare alle nomine in presenza, procedura che ha garantito per decenni i diritti di allievi e docenti e rispettare la normativa che prevede in questi casi un intervento umano a valle dell'azione del sistema di decisione automatica, per introdurre i necessari correttivi prima di far divenire definitive la nomine". (ANSA).

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Al via gli Europei 2024, si comincia con i padroni di casa della Germania

Analisi: le navi russe schierate a Cuba sono una "dimostrazione di forza" di Putin

Arabia Saudita: tutto pieno alla Mecca, come è cresciuto l'indotto economico intorno all'Hajj