EventsEventi
Loader

Find Us

FlipboardLinkedin
Apple storeGoogle Play store
PUBBLICITÀ

Gdf Catania distrugge due tonnellate di cocaina sequestrate

Era sudamericana. Sottratti guadagni per 400-450 milioni di euro
Era sudamericana. Sottratti guadagni per 400-450 milioni di euro
Diritti d'autore 
Di ANSA
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
euronews pubblica le notizie d'ansa ma non interviene sui contenuti degli articoli messi in rete. Gli articoli sono disponibili su euronews.com per un periodo limitato.

(ANSA) - CATANIA, 14 LUG - I militari del Comando provinciale di Catania della Guardia di finanza hanno provveduto, con l'ausilio della componente specialistica "Antiterrorismo e pronto Impiego" e dei finanzieri del Reparto operativo Aeronavale di Palermo, allo smaltimento degli oltre 1.600 panetti di cocaina - per un peso lordo complessivo di quasi 2 tonnellate - sequestrati la primavera scorsa a largo delle coste della Sicilia Orientale, uno dei più ingenti quantitativi scoperti in ambito nazionale. La vendita al dettaglio avrebbe fruttato circa 400/450 milioni di euro ai gruppi criminali. La distruzione della sostanza stupefacente è stata autorizzata dalla Procura della Repubblica di Catania a conclusione di un complesso procedimento di analisi e campionatura della droga che hanno avvalorato l'ipotesi iniziale che fosse di produzione sudamericana. Dato l'enorme valore di mercato delle due tonnellate di cocaina, per lo smaltimento dell'ingente quantitativo di sostanza stupefacente è stato approntato dalle Fiamme Gialle etnee un imponente servizio di scorta e vigilanza in modo da assicurare la più ampia cornice di sicurezza nel corso di tutte le delicate fasi di trasferimento e conferimento a un impianto di termodistruzione in provincia di Siracusa. In particolare, il trasporto è stato effettuato utilizzando un mezzo blindato scortato e la sorveglianza da parte di un elicottero. (ANSA).

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

L'Estonia teme operazioni ibride russe: in aumento i casi di spionaggio e guerra elettronica

Georgia: la Commissione di Venezia boccia la legge russa, minaccia la libertà di espressione

Gaza: sistema sanitario "in ginocchio". Centinaia di Palestinesi costretti a vivere tra i rifiuti