EventsEventiPodcasts
Loader

Find Us

PUBBLICITÀ

Famiglia travolta: Favaro Veneto raccolta per l'ultimo saluto

Iniziate le esequie, per Mattia la bara bianca entra per prima
Iniziate le esequie, per Mattia la bara bianca entra per prima
Diritti d'autore 
Di ANSA
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
euronews pubblica le notizie d'ansa ma non interviene sui contenuti degli articoli messi in rete. Gli articoli sono disponibili su euronews.com per un periodo limitato.

(ANSA) - FAVARO VENETO, 14 LUG - Favaro Veneto (Venezia) si è raccolta per dare l'ultimo saluto alle tre vittime dell'incidente stradale di Santo Stefano di Cadore. Nella chiesa, troppo piccola per accogliere tutti, sono entrate le bare di Mattia, 2 anni, di color bianco entrata per prima e a seguire quella del padre Marco Antonello (48) e della nonna Mariagrazia Zuin (64). Sul sagrato, piegata dal dolore, è rimasta per ultima, incapace di avanzare, prostrata dal dolore e sorretta dalle braccia dei familiari, mamma Elena sopravvissuta all'impatto con il nonno Lucio Potente. In chiesa a concelebrare l'omelia funebre il parroco di Sant'Andrea e quelli del triangolo della terraferma veneziana di Favaro, Dese e Ca' Solaro. Centinaia le persone sia in chiesa che nel campo parrocchiale dove sono stati messi tre schermi giganti per seguire la liturgia. Tra i presenti il sindaco di Venezia Luigi Brugnaro, il prefetto Michele di Bari e varie autorità civili e militari. Mattia, Marco e Mariagrazia sono stati falciati il 6 luglio scorso mentre passeggiavano lungo in marciapiede nel centro di Santo Stefan di Cadore dall'auto di Angelika Hutter, la turista tedesca di 32 anni ora in arresto e ricoverata in psichiatria all'ospedale di Venezia. (ANSA).

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Calcio, il francese Kylian Mbappé mette in guardia dagli estremismi prima delle elezioni

Festa per l'Eid al-Adha: migliaia di pellegrini musulmani celebrano i riti finali dell'Hajj

Riportate tutti a casa: Migliaia di persone a Tel Aviv chiedono il rilascio degli ostaggi di Hamas