EventsEventiPodcasts
Loader
Seguiteci
PUBBLICITÀ

Vaticano, da aprile all'Italia la documentazione Orlandi

"Sullo zio di Emanuela non è stata violata la Confessione"
"Sullo zio di Emanuela non è stata violata la Confessione"
Diritti d'autore 
Di ANSA
Pubblicato il Ultimo aggiornamento
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
euronews pubblica le notizie d'ansa ma non interviene sui contenuti degli articoli messi in rete. Gli articoli sono disponibili su euronews.com per un periodo limitato.

(ANSA) - ROMA, 12 LUG - "L'Ufficio del Promotore di Giustizia sta cooperando attivamente con le Autorità competenti Italiane. Proprio in questo spirito, il 19 aprile scorso, i magistrati vaticani hanno consegnato riservatamente all'Italia, coperta dal segreto istruttorio, la documentazione disponibile relativa al caso, inclusa quella raccolta nei mesi precedenti nel corso dell'attività istruttoria. La Santa Sede condivide il desiderio della famiglia di arrivare alla verità sui fatti e, a tale fine, auspica che tutte le ipotesi di indagine siano esplorate. In merito alle notizie che coinvolgono un parente di Emanuela, si rileva che la corrispondenza in questione indica espressamente che non vi è stata alcuna violazione del sigillo sacramentale della Confessione". Lo afferma il direttore della sala stampa vaticana, Matteo Bruni. (ANSA).

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Israele, al volante di un'auto investe e ferisce quattro militari dell'Idf

Chi era Thomas Matthew Crooks: l'uomo che ha sparato a Donald Trump

Parigi, la torcia olimpica illumina la parata militare del 14 luglio