EventsEventiPodcasts
Loader
Find Us
PUBBLICITÀ

Corsa per liberare Roma dai rifiuti, tremano i vertici dell'Ama

Mille tonnellate in strada. Minisindaco, giusto pagare meno Tari
Mille tonnellate in strada. Minisindaco, giusto pagare meno Tari
Diritti d'autore 
Di ANSA
Pubblicato il Ultimo aggiornamento
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
euronews pubblica le notizie d'ansa ma non interviene sui contenuti degli articoli messi in rete. Gli articoli sono disponibili su euronews.com per un periodo limitato.

(ANSA) - ROMA, 11 LUG - La prossima settimana potrebbe essere quella decisiva per imprimere una direzione nuova alla gestione dei rifiuti di Roma. Intanto con la rimozione dei rifiuti rimasti a terra negli ultimi giorni - 1.000 tonnellate, è stato calcolato - che dovrebbero portare a un "progressivo ritorno alla normalità". Ma soprattutto, il prossimo 18 luglio, dovrebbe arrivare la scossa al management dell'Ama, l'azienda capitolina della spazzatura. Si riunirà il Cda, e al primo punto dell'ordine del giorno c'è la relazione del direttore generale Andrea Bossola. Dal Cda, trapela dai corridoi del Comune, ci si attendono prese di posizione chiare. Traduzione: Bossola è dato in uscita. Al suo posto potrebbe arrivare una figura esterna all'azienda ma di comprovata professionalità, sebbene ci sia chi preme per valorizzare un dirigente interno. Perché i problemi tecnici di Ama ormai sembrerebbero assodati - una carenza di mezzi in strada, vuoi per guasti, vuoi per gli iter di manutenzione recentemente riformati - ma anche avviati verso, quantomeno, una soluzione tampone (noleggi esterni di camion, tanto per iniziare). Anche i presidenti di Municipio dello stesso colore politico del sindaco non lo dicono più nemmeno sottovoce: "L'emergenza rifiuti nel V - si legge in un comunicato di fuoco del minisindaco dem Mauro Caliste - prosegue da settimane senza risposte all'altezza da parte di Ama, che fa pagare a caro prezzo la scarsa capacità organizzativa e di programmazione alla cittadinanza e agli operatori. Auspichiamo da parte loro un'assunzione di responsabilità. A questo punto - arriva a dire - la richiesta di ridurre la tassa dei rifiuti avanzata da alcuni comitati è più che legittima". Umori e malumori che sono venuti a galla l'altra sera in una riunione "franca e schietta" della maggioranza con il sindaco e l'assessora Alfonsi. I consiglieri comunali hanno espresso "preoccupazione" (a dir poco) per "l'emergenza che la Capitale sta affrontando a causa della mancata raccolta, delle manutenzioni a rilento dei mezzi e alla condizione in cui versa la flotta". (ANSA).

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Europei, vola la Germania. Pari Scozia-Svizzera e Croazia-Albania

Grecia, un grave incendio divampa nei pressi di Atene

Premierato e Autonomia, cosa sono: elezione del premier, iter costituzionale e poteri delle Regioni