EventsEventi
Loader

Find Us

FlipboardLinkedin
Apple storeGoogle Play store
PUBBLICITÀ

Il padre di Kata, 'Non smetterò mai di cercare mia figlia'

La madre suggerisce di diffondere la sua foto anche all'estero
La madre suggerisce di diffondere la sua foto anche all'estero
Diritti d'autore 
Di ANSA
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
euronews pubblica le notizie d'ansa ma non interviene sui contenuti degli articoli messi in rete. Gli articoli sono disponibili su euronews.com per un periodo limitato.

(ANSA) - FIRENZE, 10 LUG - "Non smetterò mai di cercare mia figlia, voglio andare fino in fondo". Lo ha detto il babbo di Kata, Miguel Angel Romero Chicclo, stasera al corteo che evidenzia i 30 giorni dalla scomparsa della bambina di 5 anni a Firenze. Un centinaio di persone, soprattutto immigrati peruviani, ma anche alcuni fiorentini, hanno manifestato per chiedere di liberare e far tornare a casa Kataleya, la bimba di 5 anni scomparsa dall'ex hotel Astor di Firenze, il 10 giugno, un mese fa. Al corteo, partito da piazza Dallapiccola, hanno partecipato anche i genitori della bimba, anche la madre Kathrina Alvarez, coi rappresentanti dell'associazione Penelope. La mamma di Kata ha detto che "per noi è difficile, un mese è un'eternità per noi. Vorrei sentire la vicinanza della presidente Meloni sul nostro caso, perché finora non si è fatto sentire nessuno e sentiamo una grande indifferenza". "Non sto chiedendo niente - ha precisato - ma voglio solo l'aiuto per condividere le foto di mia figlia anche all'estero. In questo momento mi serve tutto l'aiuto possibile". Emanuela Zuccagnoli, presidente di Penelope Toscana ha detto che è "importante che la città di Firenze ci sia, perché prima di essere una bambina peruviana, Kata è una bambina. Bisogna impegnarsi per trovarla. Rinnoviamo l'appello a chi sa qualcosa di dirlo, anche in forma anonima, dobbiamo riportare a casa Kata". Arrivato di fronte all'hotel Astor, il corteo si è fermato brevemente e il parroco ha chiesto ai presenti di dire una preghiera. I manifestanti sfilando per le vie del quartiere di San Jacopino hanno mostrato uno striscione con la scritta 'Piccola Kata - sempre con te, sempre per te: ovunque e comunque'. "Giù le mani dai bambini" è uno degli slogan ripetuti dai partecipanti insieme al perentorio "Liberate Kataleya". Il corteo è poi tornato in piazza Dallapiccola, da dove era partito, dove sono state accese alcune candeline posizionate a terra formando la figura di un cuore. (ANSA).

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Repubblica Democratica del Congo, il portavoce dell'esercito: "Sventato un tentativo di golpe"

Iran: atterraggio brusco per l'elicottero del presidente Raisi, maltempo complica le ricerche

Guerra in Ucraina: entrata in vigore la legge sulla mobilitazione, cosa prevede