EventsEventi
Loader

Find Us

FlipboardLinkedin
Apple storeGoogle Play store
PUBBLICITÀ

Famiglia travolta da auto: domani l'udienza di convalida

Funerali delle tre vittime in settimana
Funerali delle tre vittime in settimana
Diritti d'autore 
Di ANSA
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
euronews pubblica le notizie d'ansa ma non interviene sui contenuti degli articoli messi in rete. Gli articoli sono disponibili su euronews.com per un periodo limitato.

(ANSA) - BELLUNO, 09 LUG - E' prevista per domani l'udienza di convalida di Angelika Hutter, la 32enne tedesca arrestata per omicidio stradale plurimo dopo aver investito e ucciso con l'auto, il 6 luglio a Santo Stefano di Cadore (Belluno), tre componenti di una stessa famiglia, Marco Antonello, 48 anni, il figlio Mattia di 2 anni (il prossimi 16 luglio) e la nonna materna Mariagrazia Zuin, di 65. Non è stata ancora fissata la data di funerali che, probabilmente, si terranno la prossima settimana dopo che la procura darà il nulla osta e il via libera per il trasferimento delle salme nel veneziano. Intanto proseguono gli accertamenti dei carabinieri del Reparto Operativo di Belluno, alla ricerca di ulteriori testimoni (poco prima c'era stato un funerale vicino al luogo dell'incidente) e di altri filmati di telecamere che potrebbero avere registrato gli attimi dell'arrivo dell'Audi della donna, oltre al video già in possesso agli inquirenti recuperato da un negozio di alimentari. Oltre a questo saranno determinanti la perizia del consulente sul telefonino dell'indagata per verificare se, mentre guidava, stesse chiamando qualcuno o fosse impegnata a scrivere un messaggio, e l'accertamento tecnico sulla reale velocità della vettura in quel tratto di strada dove il limite è di 50 kmh. La certezza, ha detto un investigatore, è che l'Audi andava a velocità sostenuta , oltre i 70 kmh in quel tratto di rettilineo quando è piombata sul marciapiede falcidiando le tre vittime, prima di finire la folle corsa contro un palo dell' illuminazione. Segni di frenata non sarebbero stati riscontrati. E qui si aprirebbero varie ipotesi che vanno dalla distrazione o ad un gesto volontario. Ma su quest'ultimo punto la procura bellunese non azzarda alcun commento. La donna, che si trova ora rinchiusa nel carcere femminile della Giudecca, è apparsa agli inquirenti come una persona 'strana' e poco è ancora emerso (parla solo tedesco e inglese) sui suoi precedenti spostamenti in Italia. La sua presenza è stata fissata a Bolzano, a fine maggio, quando è stata denunciata per il possesso di oggetti atti a offendere(un martello) ritrovato nella sua auto, che pare sia intestata al padre. (ANSA).

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Spagna riconosce lo Stato di Palestina, le reazioni a Madrid

Arrestato in Italia il boss della mafia turca Baris Boyun accusato di terrorismo

Elezioni europee: come si svolgerà il dibattito in Eurovisione tra i candidati principali