EventsEventi
Loader

Find Us

FlipboardLinkedin
Apple storeGoogle Play store
PUBBLICITÀ

Sindaco Ravenna, dal dl solo 2,5 miliardi in 3 anni

'Cifra distante dai reali bisogni dell'Emilia Romagna'
'Cifra distante dai reali bisogni dell'Emilia Romagna'
Diritti d'autore 
Di ANSA
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
euronews pubblica le notizie d'ansa ma non interviene sui contenuti degli articoli messi in rete. Gli articoli sono disponibili su euronews.com per un periodo limitato.

(ANSA) - BOLOGNA, 05 LUG - Le risorse previste del decreto che nominerà il generale Figliuolo commissario per la ricostruzione "sembrano essere circa due miliardi e mezzo distribuiti in tre anni". Lo dice il sindaco di Ravenna Michele de Pascale: "Questa cifra - prosegue - è purtroppo molto distante dai reali fabbisogni nel triennio che la Regione Emilia-R. ha stimato in circa 9 miliardi, al fine di garantire tutti gli indennizzi e la ricostruzione. Ad esempio, per le spese 2023/2024 sarebbe stato stanziato circa un miliardo e mezzo, somma non in grado di coprire il miliardo e ottocento milioni di somme urgenze e 500 milioni di primi indennizzi alle imprese" "In queste ore - spiega de Pascale - stiamo ancora studiando il testo del nuovo decreto, ma da una prima lettura sembra evidente che finalmente il Governo abbia deciso, oltre a nominare il commissario, anche di stanziare le prime vere risorse utili a sostenere indennizzi e ricostruzione". "Con queste premesse - aggiunge - va però finalmente riconosciuto al Governo di essersi sbloccato e di aver finalmente iniziato a stanziare risorse credibili. Più volte avevamo detto che se anche non ci fosse stata la disponibilità del totale delle risorse, sarebbe stato comunque importante cominciare a stanziarne almeno una parte, e dunque siamo lieti che anche in questo caso, come è accaduto per la nomina del commissario, circa un mese dopo a quando lo avevamo chiesto, il Governo ci abbia finalmente, almeno parzialmente ascoltato". "Rispetto alle polemiche a volte assurde di alcuni parlamentari e esponenti di governo, lette nell'ultimo mese, se per il futuro si lavorasse più a stretto contatto e con maggiore fiducia verso chi è sul territorio, queste decisioni si potrebbero prendere molto prima, evitando scontri e polemiche e di perdere tempo prezioso, utile invece per intervenire celermente ed efficientemente nel dare sostegno alle comunità e nel mettere in sicurezza i territori". La prossima settimana, conclude "avremo un secondo incontro con il Generale Figliuolo e sarà l'occasione per cercare di accelerare al massimo indennizzi e opere pubbliche". (ANSA).

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Elezioni Europee 2024, dibattito candidati leader su bilancio, difesa comune e commercio con la Cina

Mandati d'arresto per Netanyahu e Gallant, l'Unione europea si divide

Israele sequestra attrezzatura Ap e blocca diretta su Gaza: ha usato la legge anti Al Jazeera