EventsEventi
Loader

Find Us

FlipboardLinkedin
Apple storeGoogle Play store
PUBBLICITÀ

Decaro, i Comuni hanno raggiunto 91% dell'assegnazione da Pnrr

Pnrr: Lepore, ora l'ostacolo più grande è reperimento personale
Pnrr: Lepore, ora l'ostacolo più grande è reperimento personale
Diritti d'autore 
Di ANSA
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
euronews pubblica le notizie d'ansa ma non interviene sui contenuti degli articoli messi in rete. Gli articoli sono disponibili su euronews.com per un periodo limitato.

(ANSA) - ROMA, 05 LUG - "I Comuni hanno già raggiunto il 91% della assegnazione Pnrr: 36,3 miliardi su 40 programmati". Lo ha detto il presidente dell'Anci, Antonio Decaro,in uno dei passaggi centrali della sua relazione all'evento "Missione Italia 2021-2026. Pnrr dei Comuni e delle città", in corso alla Nuvola a Roma "I sindaci stanno correndo come Forrest Gump - ha rivendicato Decaro -, lasciateci lavorare". "Gli altri soggetti attuatori - ha anche spiegato - sono a circa il 46% delle assegnazioni". Secondo il sindaco di Bologna Matteo Lepore "l'ostacolo vero è il personale, a un certo punto la nostra capacità produttiva è limitata dalla questione del personale" ed sull'argomento ha lanciato un vero "allarme". Il personale - ha puntualizzato - oggi è la prima cosa su cui dobbiamo investire". Decaro ha poi aggiunto sempre riferendosi ai Comuni: 'Piu' di qualcuno nutriva dubbi circa la nostra capacità di spesa. Oggi vorrei rispondere, credo in maniera definitiva, con qualche cifra recentissima, anzi totalmente inedita. La premessa è che secondo dati non forniti dall'Anci, ma della Presidenza del Consiglio e della Corte dei Conti, i Comuni sono da anni il principale investitore nel settore pubblico, con il 25% del totale delle risorse impiegate in Italia'. (ANSA).

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Corte penale internazionale: L'Aja chiede mandati di arresto per Netanyahu e leader Hamas

Ucraina, raccolti 4 milioni di euro in Slovacchia per inviare munizioni a Kiev

Iran, cosa succederà con la morte del presidente Ebrahim Raisi