EventsEventiPodcast
Loader

Find Us

PUBBLICITÀ

Patto fra pompe di carburante a Livigno, maximulta del Garante

Indagine della Gdf su un 'cartello', multe per oltre 4 milioni
Indagine della Gdf su un 'cartello', multe per oltre 4 milioni
Diritti d'autore 
Di ANSA
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
euronews pubblica le notizie d'ansa ma non interviene sui contenuti degli articoli messi in rete. Gli articoli sono disponibili su euronews.com per un periodo limitato.

(ANSA) - LIVIGNO (SONDRIO), 04 LUG - Si mettevano d'accordo settimanalmente sul prezzo del carburante per non farsi concorrenza: per questo motivo otto distributori di benzina di Livigno (cioè del Comune di Sondrio che è zona extradoganale e quindi dove il prezzo è più basso perché non ci sono accise) hanno ricevuto multe dall'Autorità Garante della Concorrenza e del Mercato per oltre quattro milioni. Più precisamente ha sanzionato per 4.287.186,97 le società Cus.Car. S.r.l., Fibo S.r.l., Ges.Car. S.r.l. di Cusini Bernardo & C., Tre.Car. S.r.l., CU.BA. S.r.l., Global Service S.r.l., Bondi Carburanti di Bormolini Luigi S.r.l. e Silroc S.r.l.L L'istruttoria dell'AGCM è partita dopo le indagini della Guardia di Finanza. Secondo l'Authority via mail venivano date a tutti indicazioni ogni settimana sui prezzi da applicare. Dal "ricco quadro probatorio", hanno spiegato dall'Agcm, "emergono le evidenze dei sistematici invii di mail da parte del mittente alle società di distribuzione di carburanti e della corrispondenza tra i prezzi contenuti nelle comunicazioni e quelli effettivamente praticati dai distributori". E di conseguenza si è eliminata la concorrenza "a danno dei consumatori". (ANSA).

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Difesa: chi sarà il prossimo segretario generale della Nato

Le notizie del giorno | 30 maggio - Pomeridiane

Blinken in Moldova: Usa verso il sì all'Ucraina per attacchi in Russia con armi Nato