EventsEventiPodcasts
Loader

Find Us

PUBBLICITÀ

Morte figlia eroe Sars: pg, riconoscere omicidio anche all'amica

In primo grado il pusher era stato condannato a 14 anni
In primo grado il pusher era stato condannato a 14 anni
Diritti d'autore 
Di ANSA
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
euronews pubblica le notizie d'ansa ma non interviene sui contenuti degli articoli messi in rete. Gli articoli sono disponibili su euronews.com per un periodo limitato.

(ANSA) - ROMA, 04 LUG - "Chiedo di condannare l'amica di Maddalena Urbani a 14 anni, così come inflitto in primo grado a Abdulaziz Rajab, il pusher siriano". E' la richiesta avanzata dal procuratore generale nel corso della requisitoria nel processo d'appello per la morte della ventenne, figlia del medico Carlo Urbani, che isolò per primo il virus della Sars. La giovane morì a causa di una overdose il 27 marzo del 2021 nell'appartamento del pusher, nella zona di via Cassia, dopo ore di agonia. Il pg ha chiesto di confermare la condanna per Rajab e di riconoscere all'amica il reato di omicidio volontario con dolo eventuale, una fattispecie che in primo grado era stata riqualificata in omissione di soccorso con una condanna a due anni. La sentenza è attesa per il prossimo 11 luglio. "In questa vicenda ci sono alcuni dati certi - ha detto il rappresentante dell'accusa -. Maddalena, se fossero stati allertati i soccorsi, si sarebbe potuta salvare. Una telefonata tempestiva al 118 sarebbe stata sufficiente, invece nessuno ha fatto nulla per salvarla e quando, dopo ore, si è deciso di allertare i soccorsi era oramai troppo tardi". (ANSA).

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Europei di Atletica: a Roma è Italia da record, 24 le medaglie degli Azzurri, 11 gli ori

Buenos Aires, scontri tra manifestanti anti-Milei e polizia fuori dal Congresso argentino

Grecia: ondata di calore ad Atene, attesi fino a 43 gradi, l'Acropoli chiude nelle ore più calde