EventsEventi
Loader

Find Us

FlipboardLinkedin
Apple storeGoogle Play store
PUBBLICITÀ

Bimba morta: vicina di casa, Alessia Pifferi non ha mai pianto

Donna teste in aula: 'mi ha chiesto se l'avrebbero arrestata'
Donna teste in aula: 'mi ha chiesto se l'avrebbero arrestata'
Diritti d'autore 
Di ANSA
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
euronews pubblica le notizie d'ansa ma non interviene sui contenuti degli articoli messi in rete. Gli articoli sono disponibili su euronews.com per un periodo limitato.

(ANSA) - MILANO, 03 LUG - "Alessia Pifferi non ha mai pianto. Però si lamentava e a un certo punto mi ha chiesto: 'adesso cosa succede? Mi arrestano?'". Lo ha raccontato in aula una vicina di casa, entrata per prima nell'appartamento di via Parea a Milano lo scorso 20 luglio, quando è stato trovato il corpo della piccola Diana. Rispondendo alle domande dei pm Francesco De Tommasi e Rosaria Stagnaro nel processo a carico della 37enne per l'omicidio volontario pluriaggravato della bimba morta di stenti, la testimone ha ricostruito davanti alla Corte d'Assise di Milano i dettagli di quel giorno. "Erano circa le 10.30 del mattino, Alessia mi ha suonato al citofono molto agitata e mi ha detto 'venga, la bimba non respira'". All'arrivo del personale del 118 Pifferi "non mostrava segni di sconforto - ha dichiarato in aula una degli operatori intervenuti quella mattina -, non piangeva, continuava a dire che era una brava madre e che voleva bene alla sua bambina. Quando ha saputo che arrivava la polizia ha iniziato ad agitarsi, diceva che non era una delinquente, che non aveva colpe. Era così agitata - ha raccontato il teste - che il medico ha detto di somministrarle qualche goccia di Valium". (ANSA).

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Le notizie del giorno | 24 maggio - Pomeridiane

L'Europa che voglio: politiche economiche, cosa farei da europarlamentare

Risoluzione Onu per commemorare il genocidio di Srebrenica, serbi in protesta