EventsEventiPodcasts
Loader
Seguiteci
PUBBLICITÀ

Tessuto contrabbando confiscato, a Stato 4 milioni da vendita

Merce sequestrato nel corso di indagini della Gdf a Prato
Merce sequestrato nel corso di indagini della Gdf a Prato
Diritti d'autore 
Di ANSA
Pubblicato il Ultimo aggiornamento
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
euronews pubblica le notizie d'ansa ma non interviene sui contenuti degli articoli messi in rete. Gli articoli sono disponibili su euronews.com per un periodo limitato.

(ANSA) - PRATO, 30 GIU - Sequestrati un anno fa ai fini della confisca, ora venduti a un'asta giudiziaria per 4 milioni di euro versati poi al Fondo unico giustizia. Si tratta di 8,7 milioni di metri lineari di tessuto di contrabbando, destinato a ditte di confezioni di abbigliamento cinesi a Prato, intercettati e recuperati nel marzo 2022 dalla Guardia di finanza pratese nell'ambito di un'operazione che aveva portato anche alla denuncia di cinque orientali: valore totale del tessuto, secondo quanto stimato all'epoca, 12 milioni di euro. Le indagini svolte dalle fiamme gialle - sotto la direzione dalla Procura europea - ufficio di Bologna si spiega in una nota - avrebbero permesso "di far emergere un collaudato sistema di complesse triangolazioni commerciali" per evadere le imposte e tributi doganali. "Il meccanismo fraudolento scoperto prevedeva l'introduzione dei tessuti sul territorio italiano attraverso false operazioni di cessione intracomunitarie verso ditte nazionali tramite società fornitrici situate in Ungheria e Germania" Gli accertamenti sono partiti da "attività di analisi nei confronti di alcune imprese che risultavano formali destinatarie di spedizioni di tessuti di provenienza estera, rivelatesi in realtà inesistenti o inattive". Appurato poi che i tessuti, di provenienza extra Ue, venivano importati da altre imprese in Ungheria e Germania che, oltre a operare in settori economici differenti (a esempio, nel commercio all'ingrosso di ricambi di auto), non avevano posto in essere alcuna effettiva transazione commerciale. Nella realtà, le merci, provenienti dal porto di sdoganamento, giungevano direttamente" a Prato ed "erano stoccate in capannoni per essere poi smistate ad altre ditte impiegate nella lavorazione dei tessuti". Nel corso delle indagini sequestrati anche 300.000 euro e veicoli. "Fondamentale - si spiega infine dalla Gdf - ai fini del buon esito dell'operazione, si è rivelata la collaborazione fornita dall'Agenzia delle Dogane e dei monopoli di Prato per la determinazione del valore economico dei beni sequestrati e per la gestione delle procedure dell'asta pubblica dei tessuti". (ANSA).

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Usa, nessun riferimento di Harris alla candidatura presidenziale, ma un elogio all'eredità "ineguagliabile" lasciata da Biden

Le notizie del giorno | 22 luglio - Serale

Striscia di Gaza: raid israeliano su Khan Younis dopo ordine di evacuazione, decine di morti